04/07/2020 ore 11:35
Sicurezza stradale: nel 2010 la polizia ha sorpreso ben 438 persone ubriache al volante
“Plaudo al lavoro fatto dalla polizia stradale nel 2010 che è riucita a presidiare anche le vie secondarie, dove avvengono numerose infrazioni. I numeri del 2010 ci dicono però che la situazione è ancora grave: il dato più sconcertante è che sono stato state trovate 438 persone ubriache al volante”. Lo evidenzia il consigliere regionale del Pdl Maria Rosi, secondo la quale “questo significa che non solo vanno intensificati i controlli sulle strade, ma che vanno attuate delle politiche ad hoc per sensibilizzare i guidatori e evitare che chi beve o, peggio, chi si droga si metta alla guida dell'autovettura”. Per Rosi “oggi più che mai va fatto un lavoro sinergico tra scuole, genitori e polizia stradale, perché bisogna intervenire sull’educazione e la responsabilizzazione dei conducenti perché contro la guida in stato di ebbrezza l'unica soluzione sta nel rispetto del principio secondo il quale chi guida non beve. Chi guida ubriaco – aggiunge - deve essere consapevole dei rischi derivanti dal suo comportamento. Va fatta un azione efficace azione di sistema per prevenire le stragi del sabato sera: utilizzando un linguaggio e dei mezzi più vicini ai ragazzi. Nei locali notturni dovrebbe essere sempre presente uno staff di esperti dotato di strumenti multimediali: dal booklet informativo a divertenti gadget, agli alcoltest”. La Rosi ritiene che vadano “condivisi con i ragazzi messaggi positivi, incontrandoli proprio nei luoghi di divertimento. Sono sicura che parlando la loro lingua e utilizzando i loro stessi codici potremmo stimolarli a riflettere sul fatto che è possibile divertirsi senza mettere a rischio la propria vita e quella degli altri. Se si riesce a sensibilizzare il giovane, lui stesso poi si farà portavoce della cultura del bere in maniera responsabile. L’abuso di alcol e l’uso di droghe di chi poi si mette anche al volante – conclude - è una piaga che tutta la politica si deve impegnare a combattere: 'Se decidi di bere non guidare, così non giochi con la tua vita e con quella degli altri'”.
20/1/2011 ore 0:38
Torna su