04/07/2020 ore 11:15
Banda larga: incontro in Regione tra l'assessore alle Infrastrutture ed i presidenti delle Province di Perugia e Terni
Pianificare un più organico sviluppo della rete a banda larga in Umbria: è con questo obiettivo che nei giorni scorsi si è svolto in Regione un incontro tra l’assessore alle Infrastrutture tecnologiche immateriali Stefano Vinti e rappresentanti delle Province di Perugia e Terni. Presente, per quest’ultima, il presidente Feliciano Polli. L’incontro, riferiscono dall’Assessorato regionale, è stato “alquanto positivo soprattutto per quello che riguarda la verifica di una disponibilità dei soggetti coinvolti a collaborare per lo sviluppo della rete e per la soluzione delle problematiche di carattere tecnico, legate all’utilizzo della viabilità di proprietà regionale e provinciale e alle attività di ripristino e di manutenzione”. Il presidente della Provincia di Terni Polli ha più volte sottolineato quanto lo sviluppo della banda larga sia fondamentale per garantire sviluppo e competitività ai territori e, nello stesso tempo, ha posto l’esigenza di fare sistema tra gli Enti interessati per ottimizzare risorse e risultati. Gli impegni assunti riguardano la prospettiva di un protocollo d’intesa per la banda larga dell’Umbria, che si sviluppi poi in specifici accordi di programma, così da garantire l’installazione della fibra ottica sulle stradi provinciali con tecniche innovative, la “minitrincea”, favorendo accessibilità e ripristini, così da ottenere abbattimenti dei costi pari a circa il 50 per cento. In una partita dove le risorse, è stato sottolineato nell’incontro, anche per l’assenza di impegni statali in merito alla banda larga diventano sempre più esigue, ottenere risparmi con tecniche innovative può consentire più chilometri di fibra per l’Umbria. “Il gap che divide l’Italia dal resto dell’Europa sul fronte dello sviluppo della banda larga – ha detto l’assessore Vinti, esprimendo soddisfazione per la proficua interlocuzione fra gli Enti - deve essere colmato quanto prima. Il taglio cospicuo delle risorse da parte del Governo centrale anche sul fronte dello sviluppo delle infrastrutture immateriali – ha aggiunto - impone a tutti gli attori istituzionali di collaborare per garantire quello che oggi rappresenta un diritto vero e proprio per gli utenti e le imprese”. “Ritengo che tutti i Comuni dell’Umbria - ha detto ancora l’assessore regionale Vinti - siano interessati e che sicuramente faranno la loro parte e in questo senso ci rivolgeremo ad Anci Umbria, che rappresenta piccoli e grandi Comuni, per valutare con loro la possibilità di una grande intesa per lo sviluppo in questo settore”. “Colmare il divario digitale – ha concluso -significa innanzitutto garantire all’Umbria sviluppo e competitività al pari di tutte le regioni europee. La conferma della disponibilità a proseguire sul percorso avviato è quanto mai positiva alla luce degli sforzi che la Giunta regionale sta compiendo in questa direzione”.
10/1/2011 ore 1:35
Torna su