05/12/2020 ore 18:36
Tre arresti e varie denunce della polizia nel corso dei controlli del fine settimana
Trecentocinquanta persone e 150 veicoli controllati nel corso dell’ultimo week end dagli agenti della polizia di stato. Il bilancio parla di arresti e denunce per vari reati. Numerosi i cittadini stranieri che hanno infranto le nostre leggi. Nel computo delle operazioni compiute dalla polizia figura la denuncia di due cittadini marocchini espulsi dal territorio italiano poiché già inottemperanti ad un precedente ordine di espulsione e gravati da numerosi precedenti penali. In un’altra operazione un cittadino albanese di 21 anni, agli arresti domiciliari, è stato rintracciato in una via di Terni e nei suoi confronti veniva ripristinata la misura cautelare. Il giovane si era già reso responsabile negli ultimi tempi del reato di tentato omicidio nei confronti di un Sovrintendente di Polizia che aveva riportato ferite guaribili in dieci giorni. Lo scorso 19 ottobre l’albanese era stato arrestato dai carabinieri di Tavullia (PS) per avere incendiato una vettura ed un ciclomotore di un suo connazionale. E’ stato inoltre arrestato un cittadino albanese di 26 anni il quale non aveva rispettato un decreto di espulsione dal territorio italiano e si era reso responsabile in passato di numerosi eventi criminosi. E’ stato inoltre denunciato in stato di libertà un cittadino romeno di 23 anni, in quanto anche lui gravato da un provvedimento di allontanamento per cittadini comunitari al quale non aveva ottemperato. Il provvedimento era stato emesso in virtu’ della sua condotta socialmente pericolosa, in quanto gravato da numerosi precedenti penali . E’ stato anche arrestato un cittadino senegalese di 43 anni, gravato da un provvedimento di espulsione dal territorio italiano al quale non aveva ottemperato, reato più volte reiterato. Nel corso dei controlli la polizia ha anche fermato due ternani, di 44 e 46 anni, già notri alle forze dell’ordine per vari reati. I due sono stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti , per cui sono stati segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo quali assuntori.
26/10/2010 ore 1:08
Torna su