05/06/2020 ore 17:51
Terni: all'ospedale Santa Maria attivata la seconda sala operatoria di neurochirurgia
E' stata attivata nei giorni scorsi la seconda sala operatoria di neurochirurgia presso il nuovo blocco operatorio dell’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni. Ciò ha consentito di realizzare due ulteriori interventi chirurgici (uno sulla colonna ed uno su una tumefazione paravertebrale) in contemporanea alla normale attività operatoria già programmata. L’attivazione della 2^ sala operatoria proseguirà con una cadenza trisettimanale, per cui si può prevedere un incremento di circa 20-25 interventi neurochirurgici al mese con una ottimizzazione dell’impegno del personale medico della Neurochirurgia, degli anestesisti e del personale infermieristico delle sale operatorie. L’apertura della sala operatoria è stata perseguita con decisione dalla Direzione Aziendale del “S. Maria” di Terni e con la piena collaborazione del Direttore della Neurochirurgia, Dr. Sandro Carletti. Questa iniziativa, oltre a rappresentare il completamento e la messa a regime dell’intera piastra operatoria inaugurata un anno fa, è stata realizzata al fine di dare una risposta concreta al problema dei pazienti in lista di attesa per patologie anche gravi che interessano l’encefalo e la colonna vertebrale. In tal senso l’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni fornisce anche una prima risposta alle sollecitazioni provenienti dagli organi regionali che hanno posto il problema delle liste di attesa fra le priorità del Servizio Sanitario Regionale. Merita, altresì, ricordare che la Neurochirurgia ha iniziato la propria attività nell’Ospedale di Terni circa 15 anni orsono sotto la guida del Prof. Giulio Maira, è stata proseguita grazie all’impegno del Prof. Carmelo Anile che, peraltro, continua a collaborare con l’Azienda Ospedaliera “S. Maria”, ed ha manifestato un ulteriore deciso incremento quali-quantitativo grazie al Dr. Sandro Carletti ed ai suoi collaboratori, la cui attività ha contribuito a definire il ruolo strategico della Neurochirurgia per l’Azienda Ospedaliera, la comunità ternana ed anche per i territori limitrofi.

2/8/2010 ore 12:12
Torna su