26/11/2020 ore 01:52
Grave infortunio sul lavoro alla Keller di Narni, pesante barra di ferro colpisce un 47enne del posto
Tragedia sfiorata ieri mattina alla Keller di Narni dove un operaio è stato colpito da una palina di ferro mentre stava lavorando all’interno di un capannone. L’uomo, M.F. di 47 anni abitante a Narni, si trovava insieme ad altri operai in uno dei capannoni dello stabilimento narnese situato lungo la Flaminia, nella zona di Ponte Aia. Il 47enne doveva spostare alcune barre di ferro, stoccate in quell’area dello stabilimento, che vengono utilizzate per la realizzazione dei grigliati metallici che vengono prodotti alla Keller. Ad un certo punto, intorno a mezzogiorno, per cause che sono al vaglio dei carabinieri della stazione di Narni centro, una della paline sarebbe sfuggita al controllo degli operai ed ha preso in pieno M.F. il quale, pur avendo la prontezza di spostarsi repentinamente per cercare di evitare il colpo, è stato ugualmente colpito alla gamba destra. Questione di pochi centimetri e il pesante manufatto di ferro avrebbe potuto colpire alla testa l’operaio con esiti sicuramente più gravi. L’uomo si lamentava per il forte dolore provocato dalla botta ricevuta ed è stato immediatamente soccorso dai compagni di lavoro che hanno chiamato il 118. Poco dopo dal vicino ospedale di Narni è arrivata una ambulanza che ha trasportato il ferito al pronto soccorso. Qui i medici di turno hanno sottoposto ad esami radiologici il ferito, riscontrandogli una frattura di tibia e perone della gamba destra. Sul luogo dell’incidente, oltre a una pattuglia dei carabinieri di Narni, si sono portati anche gli ispettori dell’Ufficio di Prevenzione della medicina del lavoro della Asl 4 i quali hanno aperto una inchiesta che servirà ad appurare eventuali responsabilità. Il nuovo infortunio sul lavoro ha riacceso inevitabilmente delle forti polemiche negli ambienti sindacali dove è stato sottolineato come il tema della sicurezza continua, nonostante tutto, ad essere tenuto spesso in scarsa considerazione.
13/3/2010 ore 0:05
Torna su