24/11/2020 ore 04:54
I carabinieri arrestano per "stalking" un 28enne che perseguitava da mesi la sua ex fidanzata
Ora che c'è la legge è diventato tutto più facile. E sentir parlare di "stalking" è quasi una consuetudine. Anche a Terni dove negli ultimi tempi il fenomeno si ripete con una certa frequenza. Stavolta a finire in carcere è stato un operaio edile di 28 anni, originario della Romania ma residente a Papigno. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Terni con l'accusa di avere perseguitato, minacciato ed aggredito una sua connazionale di 23 anni la quale, dopo un periodo di vonivenza, aveva deciso di lasciarlo in quanto non sopportava più l'atteggiamento violento del suo compagno. Tutto sarebbe cominciato nel mese di dicembre dello scorso anno, quando la ragazza, dipendente di un'azienda manifatturiera, si è recata dai carabinieri per denunciare il suo ex convivente, in quanto l'uomo, dopo che si erano lasciati, aveva cominciato a perseguitarla giorno e notte, facendole le "poste" anche nei pressi dell'azienda dove lavorava e arrivando a minacciare la sorella ed il cognato. L'uomo, stando alla denuncia sporta dalla giovane, non si era limitato alle minacce ma era passatro anche alle vie di fatto percuotendo la poveretta che aveva raccontato ai carabinieri di aver subito la frattura di tre costole avvenuta nel corso di un violento litigio. A seguito della denuncia sono scattate le indagini dei carabinieri i quali hanno appurato che la versione della 23enne corrispondeva a verità. Così l'autorità giudiziaria emise un'ordinanza con la quale vietava al romeno di avvicinare sia la propria connazionale che i suoi familiari ed al tempo stesso di recarsi nei luoghi frequentati dall'ex convivente. Un invito che è stato rispettato solo per breve tempo. Infatti sabato scorso il romeno si è recato nuovamente sul posto di lavoro della ragazza per prenderla di mira. Quando sono arrivati i carabinieri, avvisati da qualcuno di quanto stava accadendo, hanno sorpreso lo straniero che stava insultando e minacciando la donna. Da qui la decisione di arrestarlo e di accompagnarlo in carcere.
(Foto dalla Rete)
8/3/2010 ore 13:43
Torna su