03/12/2020 ore 23:38
Dal 6 all'8 marzo nelle piazze della provincia tre giorni dedicati alla raccolta di fondi a favore dell'Aism
Tre giorni dedicati all'Aism. Da sabato 6 a lunedi 8 marzo avrà luogo infatti una raccolta fondi e di sensibilizzazione “La Gardenia dell’AISM” per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla e garantire i servizi alle persone affette da questa terribile malattia. Anche nelle piazze di Terni, Orvieto, Narni, Amelia e Fornole, in occasione della festa della donna, i volontari Aism affiancati dai volontari dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, da quella dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco distribuiranno le piantine di gardenia e daranno informazioni su una malattia che colpisce un numero elevato di persone. “Dedichiamo questa manifestazione alle donne – dice Ilaria Camerieri, presidente Aism Terni - le persone principalmente colpite da sclerosi multipla insieme ai giovani tra i 20 e i 30 anni. I fondi raccolti con la “Gardenia AISM” ci hanno permesso di continuare tutte le attività di Sezione e anche questo anno ci stiamo impegnando a raggiungere tutte le persone con SM della Provincia arrivando anche nei centri più piccoli e isolati. Nella nostra città, le persone con sclerosi multipla sono più di 300. In un anno i volontari dedicano 2722 ore alle persone colpite dalla malattia per realizzare i servizi sanitari e sociali e le numerose attività di socializzazione. Anche quest’anno ci auguriamo che la nostra sezione possa continuare nell’attività di sostegno alle persone con sclerosi multipla per un sostanziale miglioramento della loro qualità di vita”.
La sezione AISM di Terni fa il punto sulle attività e i servizi socio-sanitari erogati alle persone con Sclerosi Multipla e alle loro famiglie che, da diciannove anni, svolge sul territorio. Tra i servizi socio-sanitari che la Sezione AISM di Via Mentana 50/f garantisce alle 130 persone con Sclerosi Multipla ci sono: segreteria sociale, aiuto domiciliare, attività ricreative e di socializzazione, assistenza ospedaliera, servizi di trasporto con automezzi attrezzati, visite specialistiche, riabilitazione ambulatoriale e domiciliare, terapia occupazionale, consulenza legale, ritiro farmaci. Per la realizzazione di queste attività sono impegnati 97 volontari, e 2 volontarie del Servizio Civile.
6/3/2010 ore 0:03
Torna su