03/06/2020 ore 04:46
Continuano le ricerche del detenuto evaso dal carcere di Sabbione, l'uomo sarebbe scappato infilandosi in una falla della rete di recinzione
Volatilizzato. Dell'albanese, evaso intorno alle 15,30 di ieri (venerdi) dal carcere di Sabbione si sono perse le tracce. Inutili, fino a questo momento, si sono rivelate le ricerche portate a avanti da decine di uomini delle forze dell'ordine. Nemmeno l'ausilio di un elicottero dei carabinieri, che fino al calar delle tenebre ha sorvolato a bassa quota tutta la conca ternana, Ŕ stato sufficiente a scovare il detenuto. Intanto si Ŕ appreso che lo straniero si Ŕ dato alla fuga approfittando di una falla presente lungo la rete di recinzione del campo di calcio dove, come faceva ogni giorno durante l'ora d'aria, era andato a giocare insieme ai suoi compagni. Una volta passato attraverso la rete l'uomo avrebbe raggiunto un'area del penitenziario dove si starebbe costruendo una nuova ala e da qui il muro di cinta; per riuscire a scavalcarlo si sarebbe aiutato non si sa bene con quali attrezzi. Ma una volta sopra al muro deve essere stato un gioco da ragazzi fare un salto e quindi uscire all'esterno del carcere. Una fuga che a quanto pare sarebbe stata consumata in pochissimi minuti, tanto che si ha l'impressione che l'albanese l'avesse preparata nei minimi dettagli. Magari approfittando della complicitÓ di qualcuno che lo aspettava da qualche parte intorno al carcere. Se davvero queste supposizioni fossero giuste, le battute organizzate dalle forze dell'ordine una volta scoperta l'evasione, ben difficilmente avrebbero potuto sortire degli effetti positivi. Le ricerche, in ogni caso, continuano e si estenderanno su tutto il territorio nazionale.
10/10/2009 ore 0:18
Torna su