29/05/2020 ore 12:14
Blitz della Finanza nelle aziende della provincia gestite da cinesi, scoperte numerose irregolarità di carattere fiscale
Nuova operazione dei reparti della Guardia di Finanza della provincia di Terni nei confronti di operatori commerciali e cittadini di origine cinese. Nei loro confronti sono stati svolti sia accertamenti di natura fiscale, sia controlli sul passaggio di licenze commerciali e compravendite di immobili. Sotto il profilo del controllo delle transazioni commerciali (vendite di immobili e cessioni d’azienda) sono state accertate violazioni alla normativa antiriciclaggio che regolamenta l’uso del contante, e sono state inflitte sanzioni per pagamenti effettuati oltre la soglia consentita dei 12.500 euro. I finanzieri hanno constatato infatti dei pagamenti complessivi per 110mila euro in violazione di tale limite. Sono inoltre scattate ulteriori segnalazioni ad altri reparti del Corpo in tutta Italia per l’ulteriore approfondimento di operazione sospette e possibili violazioni fiscali nei confronti di soggetti sia italiani che cinesi che hanno avuto rapporti con i soggetti verificati dai finanzieri di Terni. Complessivamente l’attività di verifica fiscale dei finanzieri ha riguardato dieci soggetti operanti nei più svariati settori commerciali a Terni, Orvieto e nell’Amerino quali abbigliamento, oggetti d’arte, edilizia, call center, oggetti di chincaglieria. In tal senso l’attività svolta ha permesso di accertare ricavi non dichiarati al fisco per oltre 130mila euro, Irpef non versata per circa 155mila euro, imposta sul valore aggiunto non versata per circa 100mila euro, nonché undici lavoratori in nero. Più nel dettaglio, l’attività si è concentrata nell’arco di circa un mese, coordinata dal Comandante Regionale Umbria della Guardia di Finanza di Perugia e ha portato ad ampliare la platea dei soggetti controllati, sviluppando ulteriormente i dati acquisiti in una prima operazione di controllo sviluppata a Terni nel maggio 2008. Anche questa volta la Guardia di Finanza di Terni con il Nucleo di polizia tributaria ha posto particolare attenzione al monitoraggio di numerosi atti di compravendita di immobili e di licenze commerciali intercorsi con cittadini di origine cinese. L’attività svolta tende ad accertare sia i casi in cui vengono effettuati pagamenti per contanti per importi superiori ai 12.500 euro, limite massimo in cui è consentito l’uso del contante, sia ad acquisire elementi sulla provenienza del denaro gestito dalla comunità cinese. Nella sola città di Terni sono residenti ufficialmente circa 220 cinesi, ma in realtà la G. di F. ritiene che la presenza reale sia decisamente superiore.. L’attività svolta ha consentito di rilevare in particolare 4 situazioni di violazioni alle norme. A titolo esemplificativo è stato rilevato un caso in cui un cinese ha proceduto all’acquisto di un immobile, versando 40mila euro (solo una parte del corrispettivo totale) a un'impresa edile di Terni completamente in contanti violando le norme. In un altro caso è stata rilevata la cessione tra cittadini cinesi di una azienda con sede in Roma ma operante a Terni con un passaggio di 25mila euro completamente in contanti. Nei casi accertati scattano sanzioni nei confronti di entrambe le parti che arrivano al 40% del valore della transazione ma, soprattutto, sono inoltre in corso approfondimenti per accertare la provenienza del denaro contante utilizzato dai cittadini cinesi. Parallelamente gli altri reparti della provincia della Guardia di Finanza hanno fatto scattare, in ambito fiscale dieci controlli nei confronti di altri operatori economici sempre cinesi, accertando come detto in premessa l’utilizzo di lavoratori a nero di cui 2 nel settore edile e 9 nel settore manifatturiero dell’abbigliamento; constatata inoltre in più casi l’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e il conseguente occultamento al fisco di circa 130mila euro; In due casi, pur essendo stata presentata la dichiarazione, gli operatori commerciali non avevano versato le relative imposte.
(Foto di archivio)
16/6/2009 ore 12:45
Torna su