18/01/2021 ore 01:47
Terni: si è svolta alla Cascata delle Marmore la cerimonia per il 156esimo anniversario della Polizia di Stato
Si è svolta ieri a piazzale Byron, di fronte alla Cascata delle Marmore, la cerimonia per il 156° Anniversario della Polizia di Stato. Dopo l’arrivo di tutte le autorità cittadine e regionali, la cerimonia ha avuto inizio con la rassegna del reparto schierato, comandato dal Dott. Moreno Fernandez, da parte del Questore Gianfranco Urti. Subito dopo sono stati resi gli onori al Prefetto di Terni, dott. Sabatino Marchione. Dopo la lettura dei messaggi inviati dal Presidente della Repubblica e dal Capo della Polizia, il Questore di Terni ha tenuto un breve indirizzo di saluto. Il Questore ci ha tenuto a ricordare i caduti della Polizia di Stato, l’appuntato Mazzieri, la Guardia Scelta Bianchi e l’agente Gelsomini, tre ternani vittime del dovere; è’ stato quindi suonato il silenzio dal trombettiere ed osservato un minuto di raccoglimento. Nel suo discorso il Questore ha illustrato in breve l’attività operativa nell’anno ed ha esaltato lo spirito di collaborazione tra le Forze di Polizia. Dopo il discorso sono state consegnate da parte del Questore e del Prefetto gli encomi rilasciati al personale che si è particolarmente distinto in operazioni di Polizia. Sempre il Questore, con Il Preftto, la Presidente della Provincia, il Procuratore della repubblica ed il Giudice Torero del tribunale per i Minorenni, ha consegnato ad alunni e studenti che si sono distinti nel concorso nazionale “Il poliziotto un amico in più” i diplomi e le targhe. Una cerimonia sobria, come di consuetudine, e particolarmente segnata dal recente lutto che ha colpito la Polizia di Stato. Al termine, come preannunciato, in segno di cordoglio e di rispetto per la famiglia di Vincenzo Amici, non è stato offerto alle autorità il previsto rinfresco e la successiva cena. A margine della cerimonia ufficiale sono state previste altre forme di celebrazione; in mattinata davanti alla Questura, presso il monumento ai caduti, è stata deposta una corona di alloro in loro memoria. Nel pomeriggio invece, nell’area del parco della Cascata è stata aperta a tutti i visitatori l’esposizione di automezzi della Polizia di Stato, la 159 della Squadra Volante, le moto della Polizia Stradale, il segway utilizzato dalla Polizia Ferroviaria per lo spostamento nelle stazioni ferroviarie e la Lamborghini Gallardo, la splendida autovettura in uso alla Polizia Stradale. All’entrata della cascata agli ospiti ma anche ai visitatori è stata offerta una copia di “Poliziamoderna”. Molti i cittadini presenti che oltre aver visitato la Cascata hanno avuto il piacere di assistere e festeggiare la Polizia di Stato; alcuni fortunati hanno avuto anche l’opportunità di ricevere in omaggio dei gadget che hanno riscontrato un enorme successo tanto che sono terminati dopo poco tempo. Alla cerimonia ufficiale, oltre al Prefetto di Terni, erano presenti il Vescovo, la Presidente della Regione Maria Rita Lorenzetti, l’ex Questore di Terni dott. D’Inzillo, i sindaci di Terni e di Orvieto, il Presidente della Provincia, assessori regionali, provinciali e comunali, il Procuratore della Repubblica di Terni, Fausto Cardella, insieme ai Sostituti Gammarota e Mazzullo, i Giudici Righetti e Santoloci, il Presidente del Tribunale dei Minorenni Totero, i vertici e gli ufficiali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, della Polizia Penitenziaria, dei Vigili del Fuoco, dell’Aeronautica, dell’esercito, i direttori del Carcere di Orvieto e Terni, la Polizia Municipale, alcuni sindaci della provincia, i dirigenti provinciali degli uffici pubblici, i vertici della Carit e della Banca Popolare di Spoleto, che hanno contribuito ad organizzare l’evento, i gonfaloni dei comuni di Terni e di Orvieto e quello della Provincia, le associazioni combattentistiche e d’Arma con i Labari. Erano presenti i familiari di tre medaglie d’oro al valor civile: la vedova Mazzieri con la figlia, i fratelli Bianchi ed i genitori di Gelsomini. Tanti i poliziotti presenti, i pensionati e tanti bambini della scuola d’infanzia, che hanno partecipato al concorso “Il poliziotto un amico in più” e che hanno allietato con il loro brio e la loro allegria la cerimonia.
(Nella foto di archivio il fracobollo emesso in occasione del 150 anniversario della Polizia di Stato)
18/5/2008 ore 4:42
Torna su