18/01/2021 ore 01:58
Terni: il nuovo Piano regolatore della città è al vaglio della Provincia, da Cavicchioli giungono rassicurazioni riguardo ai tempi della verifica
Il percorso da avviare per l’esame del nuovo Prg della città di Terni è stato analizzato in Provincia. All'incontro hanno partecipato il Presidente Andrea Cavicchioli, il dirigente del servizio urbanistica, Donatella Venti, e funzionari dello stesso servizio. La proposta del Comune di Terni è stata recentemente trasmessa all’Amministrazione provinciale, competente per la verifica dei contenuti rispetto al Put (Piano Urbanistico Territoriale), al Ptcp (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) ed alla legislazione di settore. E’ stata, così, espletata la prima fase di verifica tramite la “Conferenza interarea”, cui hanno partecipato anche i funzionari del Comune di Terni, per un controllo preliminare della completezza degli atti, al fine di consentire l’avvio dell’istruttoria. Con questo adempimento, che è in fase di completamento, tenendo conto delle richieste che la Provincia ha inoltrato al Comune di Terni, si consentirà ai funzionari preposti di iniziare la fase istruttoria sotto vari profili, fase che si concluderà con un rapporto, a firma del dirigente e del responsabile del procedimento, e con la proposta di deliberazione per la Giunta ed il Consiglio provinciali. I tempi previsti dalla normativa regionale per la delibera dell’Amministrazione provinciale sono di 180 giorni dalla trasmissione della proposta. L’Amministrazione provinciale, compiuta la verifica della congruità del Prg con il Put, il Ptcp e la legislazione di settore, potrà dettare indicazioni e prescrizioni con particolare riferimento alla parte ambientale e paesaggistica e al limite massimo di nuove cubature realizzabili. Tali indicazioni e prescrizioni verranno preliminarmente esaminate da una “Conferenza istituzionale” alla presenza di rappresentanti del Comune di Terni e della Regione. In questa fase non sarà possibile prendere in considerazione le osservazioni eventualmente non accolte dal Consiglio comunale o ulteriori osservazioni di iniziativa privata. “Fermi restando le doverose verifiche e tutti gli approfondimenti necessari, nonché l’esercizio delle potestà attribuite all’Amministrazione provinciale, -tiene a precisare il Presidente Cavicchioli- ci sarà un forte impegno da parte dell’Ente per concludere nei tempi previsti il procedimento amministrativo di sua competenza, tenendo conto che il PRG della città di Terni costituisce un atto fondamentale per lo sviluppo del territorio nel suo complesso. Sotto questo profilo, tenendo conto anche del positivo lavoro svolto nell’ambito del Prusst con i Comuni di Terni e Narni, l’Amministrazione provinciale –conclude lo stesso Presidente- svolgerà un ruolo specifico per favorire la migliore integrazione fra queste realtà sulla base delle loro oggettive opportunità ed affinità e dei progetti che hanno interessi comuni ormai ineludibili”.
19/5/2008 ore 12:43
Torna su