23/01/2021 ore 14:26
Viabilità: da Enrico Melasecche (Udc) critiche all'Anas sullo stato del fondo stradale della E/45
Paragona la E/45 a una strada della Cecenia e chiede di fare chiarezza sui modi con i quali vengono eseguiti i lavori di ristrutturazione delle strade. "Possibile - si chiede Enrico Melasecche, consigliere regionale dell'Udc -, che le bitumazioni si deteriorino così presto, con costi doppi e tripli, esorbitanti, a carico delle pubbliche casse? Quale tipo di controlli effettua l’Anas sui lavori effettuati e sulla qualità dei materiali impiegati? Non è possibile che la E/45, via di comunicazione riconosciuta a livello europeo, sia ridotta in questo modo. Essa è la principale arteria stradale dell’Umbria ed una delle più importanti del Paese: è necessario che il nuovo Governo valorizzi il collegamento così come era stato stabilito nel 2005, trasformandola in autostrada a pedaggiamento leggero. Ma, nel frattempo - chiede Melasecche - , la Regione imponga all’Anas l’immediata messa in sicurezza del tracciato, chiudendo i muretti spartitraffico ancora aperti – ben 50 negli 80 km che separano Terni da Perugia -, installando le reti contro l’invasione di animali e realizzando un manto finalmente durevole sui cui relativi lavori le imprese esecutrici dovranno fornire da subito adeguate garanzie".
21/5/2008 ore 5:45
Torna su