06/06/2020 ore 09:35
I carabinieri arrestano tre pluripregiudicati emiliani autori di vari furti di camion e escavatori rivenduti nella zona di Narni
Ladri di camion e di mezzi da lavoro. Una piccola banda specializzata nei furti e nel riciclaggio di mezzi pesanti, escavatori e attrezzature edili. Un "lavoro" che i tre componenti della gang, tutti residenti nella provincia di Reggio Emilia, portavano avanti da diverso tempo e che Ŕ stato interrotto dall'intervento di una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Radiomobile di Amelia che alle 6 di mattina ha intercettato il terzetto a bordo di un camion con sopra un "bobcat", mentre viaggiava lungo l'Amerina in direzione di Narni. E' stata l'intuizione di uno dei militari, che viaggiavano in direzione opposta, a suggerire l'inversione di marcia ed i successivi controlli. I tre emiliani, di etÓ compresa tra 47 ed i 34 anni, una volta scesi dal camion hanno provato a farfugliare qualche scusa, ma ai carabinieri Ŕ bastato fare una verifica, attraverso le targhe del camion e del piccolo escavatore per risalire ai legittimi proprietari (due imprenditori della provincia di Modena), avvertirli della situazione e dedurre che entrambi i mezzi erano stati rubati. I proprietari, che lý per lý non capivano cosa stesse succedendo, sono corsi in cantiere e qui si sono accorti che i due mezzi erano spariti. Messi alle strette i componenti della banda hanno ammesso le proprie responsabilitÓ ed uno di essi ha anche rivelato che qualche giorno prima aveva venduto ad un imprenditore edile di Narni, pare con regolare fattura, un escavatore ed altre attrezzature edili provenienti da un altro furto commesso sempre dalle parti di Reggio Emilia. Per i tre si sono aperte le porte del carcere di Sabbione, mentre i carabinieri hanno avviato le pratiche per la riconsegna di tutto il materiale rubato (in totale circa 70.000 euro di valore) ai legittimi proprietari. I militari stanno indagando per scoprire dove fossero diretti i tre lestofanti e soprattutto a chi dovevano consegnare camion e "bobcat".
27/10/2007 ore 4:35
Torna su