24/11/2020 ore 05:11
Lago di Piediluco: un incontro in Regione per fare il punto della situazione riguardo l'attuazione del piano di stralcio
Si è svolto nei giorni scorsi in Regione un incontro sulle tematiche riguardanti il piano stralcio del Lago di Piediluco alla quale hanno partecipato gli Assessori all’Ambiente della Regione Umbria, Lamberto Bottini, della Provincia di Terni, Fabio Paparelli, e del Comune di Terni, Gianfranco Salvati, e l’Assessore al progetto speciale Marmore-Piediluco del Comune di Terni, Alberto Pileri. Nel corso della riunione è stato fatto il punto della situazione sull’attuazione del piano stralcio, soffermandosi in particolar modo sugli aspetti agricolo-urbanistici, su quelli riguardanti gli impianti di itticoltura e sul settore degli scarichi e della depurazione. La Regione ha deciso di convocare entro metà novembre il Comitato tecnico-istituzionale di coordinamento appositamente istituito per l’attuazione completa del piano stralcio. In quell’occasione sarà presentata la direttiva regionale per i Comuni sul versante agricolo-urbanistico, considerando che è già stato dato avvio anche ai programmi, già previsti dal piano, relativi agli impianti di itticoltura finalizzati all’abbattimento del carico di fosforo attraverso l’utilizzo di tecnologie adeguate e all’avanguardia. Saranno infine valutati i risultati delle azioni dell’Arpa relative alle problematiche degli scarichi e della depurazione e al monitoraggio nella prospettiva della futura restituzione del bacino alla pubblica balneazione. “Nel corso dell’incontro – rende noto Paparelli - è stato anche preso atto delle difficoltà di coordinamento delle azioni emerso tra le diverse Regioni e Province interessate al lago e per far fronte e superare tale problema si e’ convenuto, sentita l’Autorità di Bacino, di ufficializzare la richiesta al Ministro dell’Ambiente di emanare in tempi rapidi un provvedimento che incarichi la stessa Autorità a svolgere compiti di ente di coordinamento e monitoraggio dei programmi previsti nel piano stralcio, con particolare riferimento agli impianti ittici del reatino”.

13/11/2007 ore 12:53
Torna su