25/11/2020 ore 00:48
Terni: nuovo arresto per droga, a finire in manette stavolta un rumeno di 19 anni trovato in possesso di eroina pronta per essere spacciata
Ancora un arresto per droga. Gli agenti della sezione narcotici della Squadra Mobile nel corso di un mirato servizio di avvistamento finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati inerenti la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno fermato e tratto in arresto in via Roma a Terni il cittadino rumeno C.B.M di 19 anni poiché sorpreso nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di eroina. La polizia seguiva da tempo il giovane straniero e dunque ha deciso di fermarlo e di sottoporlo a controlli. La perquisizione personale del ragazzo permetteva di scoprire che questi nascondeva all’interno del proprio portafogli un sacchetto di nylon trasparente con all’interno 4 involucri in cellophane di colore bianco termosaldati ad una estremità e contenenti eroina. La successiva perquisizione domiciliare effettuata dagli agenti operanti in un appartamento della centralissima via Cesare Battisti permetteva di sequestrare il denaro frutto dell’illecita attività pari a 700 euro nonché i due cellulari per mezzo dei quali il rumeno veniva contattato dai suoi acquirenti, nonché fogli manoscritti in cui il giovane aveva annotato dettagliatamente tutti i ricavi della vendita della droga. Al termine delle formalità di rito C.B.M. veniva associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione del Pubblico Ministero Raffaella Gammarota. Con questo nuovo arresto sono salite a 48 le persone arrestate dalla sezione narcotici dall’inizio dell’anno ad oggi; soltanto nel mese di settembre sono stati 5 gli spacciatori finiti in manette dei quali 4 stranieri, un marocchino, un libico, una cittadina ucraina ed un rumeno. Questo sta a significare come il mercato clandestino degli stupefacenti abbia preso piede all’interno di rudimentali organizzazioni facenti capo a personaggi stranieri gravitanti in questo capoluogo che, facilitati dalla vicinanza di città importanti quali Roma o Perugia, non hanno difficoltà a reperire elevati quantitativi di stupefacenti da immettere nel circuito cittadino dove prevale il consumo di cocaina ed eroina anche da parte di giovanissimi che si avvicinano pericolosamente al mondo della tossicomania. Anche per questo il personale della sezione narcotici ha incrementato i servizi di vigilanza nei vari luoghi a rischio della città.
22/9/2007 ore 5:33
Torna su