26/11/2020 ore 19:04
Multiutility provinciale: prosegue l’iter per la costituzione della nuova società, intanto è arrivata una sola offerta per individuare l'advisor
Una sola offerta, nei tempi previsti dal bando, è pervenuta agli Uffici della Provincia di Terni per l’individuazione dell’advisor della multiutility provinciale, che sarà chiamato a predisporre il piano industriale, l’atto costitutivo, lo statuto, i patti parasociali e gli altri elementi utili sulla base del quadro di riferimento già approvato dai Comuni. Si tratta di un’associazione temporanea d’impresa che prevede la presenza di uno studio legale associato, una società di consulenza, formazione e pianificazione aziendale, una società di ingegneria con esperienze specifiche su energia e ambiente e di professionisti di questo settore. Gli studi, le società ed i professionisti che hanno presentato l’offerta hanno sede in Firenze e Roma. La Commissione di gara ha ritenuto, da un punto di vista formale, valida l’offerta che ora sarà vagliata per la valutazione e l’eventuale aggiudicazione da parte della Commissione preposta con la presenza di esperti in materia. “Sarà dato impulso al procedimento -tiene a precisare il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli- al fine di giungere in tempi rapidi ai provvedimenti dovuti, nel rispetto delle normative applicabili, per far fronte al percorso individuato congiuntamente con i Comuni e per arrivare ad un obiettivo essenziale per la comunità locale. In questo contesto -prosegue- acquistano rilevanza anche gli orientamenti della Regione in merito alla programmazione per la gestione dei rifiuti, le decisioni dei singoli Comuni e delle società dagli stessi controllate per gli impianti attualmente di loro competenza, la definizione del rapporto con i soggetti gestori degli impianti medesimi con tutte le municipalità, le scelte strategiche per il gas, l’energia elettrica, l’energia alternativa e gli altri settori indicati nella piattaforma operativa del nuovo soggetto, già approvata dalle Amministrazioni comunali interessate”.


21/9/2007 ore 11:55
Torna su