26/11/2020 ore 14:17
Viabilità: resta aperto lo svincolo di Sangemini Sud lungo la E/45, la rampa tra il raccordo Terni-Orte e lo svincolo per Perugia riaprirà ad ottobre
Resterà aperto lo svincolo San Gemini sud sulla E45. Lo ha comunicato il Capo compartimento Anas di Perugia, Bruno Brunelletti, al Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, sottolineando che il completamento della rampa Perugia-Terni dello svincolo SS n°3/bis E45-SS n°675 è previsto per la metà del prossimo mese di ottobre. La notizia è stata accolta con soddisfazione dallo stesso Cavicchioli che l’ha subito comunicata al Presidente della Circoscrizione “Colleluna”, Leo Venturi, che aveva sollecitato un interessamento della Provincia per conoscere lo stato dei lavori e gli atti da adottare per quanto riguarda lo stesso svincolo, tenendo conto delle riunioni tenutesi in merito e dei provvedimenti già assunti. Nel corso dell’incontro con Venturi, il Presidente della Provincia di Terni ha evidenziato l’importanza che le opere in questione assumono per il territorio, sottolineando che le Istituzioni locali, in un rapporto positivo di collaborazione e confronto con l’ANAS, continueranno a svolgere il ruolo di verifica e di sollecitazione. “La soluzione delle problematiche della E45 è fondamentale per l’Umbria e per la Provincia di Terni –afferma Cavicchioli- e le recenti assicurazioni del Governo, che ribadiscono la strategicità della “Civitavecchia-Orte-Mestre” e, in tal senso, della E45, confermando la procedura del project-financing, costituiscono un punto di riferimento su cui impostare un processo di concertazione concreto tra il livello nazionale e quello locale. In questo contesto -aggiunge lo stesso Presidente della Provincia di Terni- oltre al tema prioritario della “Orte-Civitavecchia”, ha acquisito un valore determinante la necessità d’intervento per il tratto “Orte-Terni” della E45 e per il collegamento con il casello autostradale di Orte, con una sua ristrutturazione ed un adeguamento complessivo alle esigenze oggettive di traffico riscontrate che, in certi periodi, rappresentano vere e proprie emergenze. L’Amministrazione provinciale, insieme ad altre Istituzioni locali -conclude Cavicchioli- svolgerà, in questo senso, un ruolo attivo considerando questi obiettivi fondamentali per lo sviluppo dei nostri territori”.
14/9/2007 ore 5:06
Torna su