21/10/2020 ore 11:55
Terni: lite tra marocchini finisce con un accoltellamento, a chiamare i carabinieri è stato un filippino che aveva notato delle tracce di sangue
Una storia che presenta diversi lati oscuri, ma che alla base ha un denominatore che capita sempre più sovente di rilevare quando si parla di rapporti di convivenza tra extracomunitari. Due marocchini litigano tra di loro per questioni di soldi, spunta un coltello ed uno di loro rimane ferito e non gli resta che andare al pronto soccorso per farsi medicare. I carabinieri scoprono per caso questa ennesima lite tra marocchini, perché alle 7 di ieri mattina vengono chiamati da un filippino in via Alceste Campriani. L’extracomunitario (che risiede a Terni) riferisce ai militari che poco prima si era accorto che sul sedile posteriore e sui tappetini del suo furgone Nissan, parcheggiato lungo la stessa strada, c’erano delle grandi tracce di sangue. “Il furgone è mio – ha detto il filippino ai carabinieri – ma non so chi possa aver perso tutto questo sangue al suo interno, per questo vi ho chiamato”. I carabinieri hanno effettivamente rilevato la presenza di numerose tracce di sangue dentro e fuori il veicolo nonché alcuni indumenti (una camicia, una maglietta e due calzini) macchiati della stessa sostanza. Dai successivi accertamenti emergeva che intorno alle 6 della stessa mattina un uomo di origine marocchina era stato soccorso e trasportato al pronto soccorso dal personale del 118 in Piazzale della Rivoluzione Francese poiché aveva una ferita da punta e taglio al braccio destro. L’uomo, interrogato dai carabinieri, confessava di avere avuto un diverbio con un altro
extracomunitario palesemente ubriaco, nei pressi di via Campriani ed aveva poi camminato sino alla fermata degli autobus. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica dell’aggressione.
24/4/2007 ore 5:29
Torna su