26/11/2020 ore 01:40
Iniziative della regione per tutelare gli insegnanti delle scuole di musica
Con una mozione indirizzata al presidente del Consiglio regionale, il capogruppo del PdCi Roberto Carpinelli, in merito alla “situazione degli insegnanti delle scuole comunali umbre di musica”, invita la Giunta “a porre in essere tutte le azioni necessarie per riconoscere maggiori diritti, tutele e garanzie agli insegnanti delle scuole comunali di musica umbre e a costruire, insieme alle Amministrazioni comunali, un piano di stabilizzazione degli stessi secondo le modalità previste dalla legge finanziaria 2007”. Per Carpinelli “le scuole comunali di musica umbre sono centri formativi pubblici qualificati che contribuiscono alla crescita culturale e sociale della regione garantendo il diritto allo studio della musica a costi sociali. Le attività svolte da queste scuole – sottolinea nel documento - costituiscono un valido supporto per tutti coloro che vogliono vivere l’esperienza musicale. Esse promuovono una forte aggregazione sociale che consente, in particolare alle giovani generazioni, di impegnare le proprie energie in attività creative e formative e contribuiscono ad accrescere l’offerta formativa, culturale e musicale delle città dell’Umbria, anche grazie alla formazione di cori e orchestre stabili”. Il motivo della mozione, spiega Carpinelli, riguarda “le precarie condizioni lavorative con le quali operano i formatori e gli insegnanti delle scuole comunali di musica umbre. In molti casi senza nemmeno godere delle tutele assistenziali e previdenziali minime”.
17/3/2007 ore 5:16
Torna su