24/11/2020 ore 05:23
Viabilità: ribadita da enti e istituzioni l'importanza di abbreviare l'iter riguardante la realizzazione della nuova autostrada per Roma
Si è svolta alla Camera di Commercio di Terni una riunione sulle problematiche relative alla realizzazione dell’arteria stradale di collegamento con Roma, via Passo Corese alla quale hanno partecipato il Presidente della Camera di Commercio, Mario Ruozi Berretta, l’Assessore regionale alle Infrastrutture, Giuseppe Mascio, il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, il Presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli, l’Assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Rieti, Rufino Battisti, il Vice Sindaco del Comune di Terni, Feliciano Polli, il Sindaco di Stroncone, Eulero Liorni, il Sindaco di Configni, Angelandrea Angelucci, il Presidente della Carit, Terenzio Malvetani, ed i rappresentai di Assindustria di Terni e della Comunità montana della Sabina. Tutti gli intervenuti hanno confermato l’interesse alla realizzazione di quest’opera che ha già avuto l’assenso delle Regioni interessate nel contesto del progetto di finanza per la Mestre-Orte e che deve in ogni caso essere presa in considerazione anche in un quadro di riferimento mutato per quanto concerne l’attuazione del progetto stesso. I rappresentanti istituzionali hanno ribadito le priorità su cui stanno lavorando, sia sul fronte umbro che su quello laziale e, fermi restando questi obiettivi, hanno ritenuto opportuno rinnovare l’azione politica a sostegno a sostegno della Passo Corese-Roma che consente di dare risposte importanti al collegamento con la capitale per il territorio umbro e per quello sabino. Tutti i partecipanti hanno aderito alla proposta operativa avanzata dal Presidente della Provincia di Terni, Cavicchioli, che prevede la rimodulazione dello studio di fattibilità e di quello sui flussi di utilizzazione, entrambi già redatti, e l’acquisizione, da parte dei soggetti interessati della documentazione in questione per giungere ad atti d’indirizzo concordati da sottoporre ai rispettivi organi deliberanti con gli elementi che riguardano l’elaborazione di un progetto preliminare, base per ogni ulteriore azione in quanto elemento fondamentale per valutare le dinamiche economiche anche di un progetto di finanza che limiti l’apporto di risorse da parte del settore pubblico. Nel corso della riunione si è inoltre convenuto sulla necessità di tener conto delle esigenze manifestate dai rappresentanti del territorio reatino volte alla salvaguardia ambientale e a garantire il collegamento con Rieti, inserito in questo modo in un circuito virtuoso che favorisce ulteriormente l’interscambio con l’Umbria e la capitale. Con l’espressione formale delle volontà degli organismi preposti, è intenzione degli enti chiedere la collaborazione finanziaria degli istituti bancari e delle associazioni di categoria nella progettazione preliminare così come già avvenuto per altre opere di primaria importanza. A fronte di questo lavoro concreto verrà impostato un confronto con il Ministero competente e con tutti i punti di riferimento utili per raggiungere l’obiettivo. “Si tratta – ha dichiarato il Presidente Cavicchioli – di un progetto di indubbio interesse per la comunità umbra e laziale che costituisce un collegamento essenziale con l’area romana in grado di fornire ulteriori opportunità, tenendo conto dello sviluppo che si sta registrando e delle esigenze sempre più pressanti che il bacino romano evidenzia, ferme restando le priorità che ci riguardano relativamente alla Orte-Civitavecchia, per la quale è stato approvato il progetto definitivo del tratto Cinelli di Vetralla-Civitavecchia con risorse pari a 560 milioni di euro, e alle soluzioni dei problemi della Terni-Orte e del relativo casello autostradale”.

14/3/2007 ore 5:15
Torna su