24/11/2020 ore 16:18
Contratti di quartiere: firmato il protocollo d'intesa che permetterà l'avviamento di importanti interventi di riqualificazione urbanistica a Terni
Per quanto riguarda Terni, questa mattina 9.3. alla presidenza della Regione, il ministro per le Infrastrutture Antonio di Pietro, la presidente Maria Rita Lorenzetti e l’assessore ai Lavori Pubblici, Alberto Pileri, hanno firmato il protocollo di intesa con il quale si dà via libera al Contratto di quartiere. L’intervento di riqualificazione urbanistica riguarderà i quartieri sud della città, per un’area che va dall’ospedale fino a Collescipoli. La firma mette a disposizione sei milioni di euro tra finanziamenti statali e regionali e attiverà risorse complessive, grazie al coofinaziamento del comune di Terni, dell’Ater, e agli investimenti dei privati, per 27 milioni di euro. Il programma di riqualificazione prevede interventi nel campo dell’edilizia residenziale pubblica, dei servizi, delle infrastrutture, del verde pubblico e dell'impiantistica sportiva. I nuclei fondanti del progetto riguardano la sistemazione dell’insediamento Ater di San Lucio, che sarà risanato sia all’interno che nell’area esterna con una nuova sistemazione pubblica. Altro intervento importante quello che riguarderà il recupero dell’ex convento di Santa Cecilia a Collescipoli, che sarà destinato ad ospitare attività e servizi universitari di supporto alla sede del corso di laurea di Economia e Amministrazione di Impresa, raddoppiando così le superficie a disposizione. Previsti coofinaziamenti per i privati che adegueranno i propri immobili al fine di incrementare l’edilizia universitaria. Tratto caratterizzante dell’intero intervento sarà quello di incrementare gli interventi, sia pubblici che privati, di bioarchitettura e risparmio energetico. Da oggi l’amministrazione comunale ha 150 giorni di tempo per elaborare e approvare i progetti escutivi che consentiranno, entro l’estate del 2008, di attivare i cantieri.
”Siamo molto soddisfatti per l’accordo raggiunto con Regione e Ministero che consente finalmente, dopo anni di attesa, di dare attuazione ad un importante programma di riqualificazione urbana e sociale e di metterà in movimento una mole davvero consistente di risorse finanziarie per una migliore qualificazione urbana di un settore della città che in questi decenni ha avuto uno sviluppo non sempre armonico. Per il comune di Terni prosegue quindi una stagione impegnativa, che ha già dato risultati concreti con il contratto di quartiere Borgo Bovio Sant’Agnese, con il recupero della ex Siri e con sedici piani urbani complessi che hanno riguardato l’intero territorio comunale. Siamo impegnati con le nostre strutture tecniche a rispettare le scadenze e con risorse finanziarie dirette che, a partire dal bilancio 2007, per il prossimo triennio ammonteranno a un milione e mezzo di euro”, dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Alberto Pileri.
11/3/2007 ore 5:54
Torna su