29/11/2020 ore 02:27
Il ministro Antonio di Pietro venerdi 9 marzo sarà in Umbria per formalizzare il primo atto concreto relativo ai "Contratti di quartiere"
Il ministro alle Infrastrutture Antonio Di Pietro sarà in Umbria venerdi 9 marzo. La nostra è la prima regione scelta dal Governo per la firma dei "Contratti di Quartiere". Nell'ambito delle competenze ministeriali in materia di edilizia residenziale e politiche urbane, il Ministro Antonio Di Pietro ha attivato una serie di azioni volte alla riduzione del disagio abitativo. Si tratta, in particolare, di programmi che vogliono dare risposta alla richiesta di nuove abitazioni urbane e di migliorare la qualità della vita cercando, nel contempo, di creare nuovi posti di lavoro. Attualmente sono in fase di definizione due programmi: il programma "Contratti di Quartiere 2" e il programma di interventi speciali finalizzati alla realizzazione di alloggi sperimentali e a progetti speciali per aumentare la disponibilità di alloggi di edilizia sociale nei comuni capoluogo di maggiore emergenza abitativa che prevedono il finanziamento di interventi in comuni caratterizzati da diffuso degrado delle costruzioni e dell'ambiente urbano, da carenza di servizi e da un contesto di marcato disagio abitativo. La prima regione interessata è proprio l'Umbria ed il ministro Di Pietro sarà a Perugia venerdi 9 marzo: beneficiari in questa fase saranno il comune di Perugia, Terni, Città di Castello e Todi. La procedura prevede, da un lato, la stipula con i Presidenti delle regioni di convenzioni volte all´attivazione di forme di coordinamento tra amministrazione centrale e regionali, dall´altro la sottoscrizione di un protocollo di intesa e di una convenzione con i singoli comuni - che sono gli effettivi beneficiari dei finanziamenti - per la concreta attuazione del programma di sperimentazione. Inoltre, una serie di ulteriori incontri sono stati fissati con i Sindaci dei comuni beneficiari dei contributi per la realizzazione di alloggi sperimentali e a progetti speciali per aumentare la disponibilità di alloggi di edilizia sociale nei comuni capoluogo di maggiore emergenza abitativa. L'Italia dei Valori dell´Umbria esprime soddisfazione per questa viva attenzione del Ministro per la nostra regione ma allo stesso tempo chiede alla giunta regionale che venga affrontata alla radice la problematica degli alloggi popolari, che interessa la fascia più bisognosa della popolazione, con un puntuale controllo nella gestione, verifica dei criteri di assegnazione e degli appalti e pertanto ritiene di avere l´obbligo morale e politico di vigilare affinché tutto si svolga nella massima regolarità e trasparenza.
8/3/2007 ore 15:35
Torna su