05/06/2020 ore 19:58
Uffici stampa, il Gus ha avviato le trattative con Provincia e Comune di Terni per il riconoscimento della legge 150/2000
Il Gruppo Uffici Stampa dell’Umbria (Gus) ha avviato nei giorni scorsi le trattative con la Provincia di Terni ed il Comune di Terni per l’applicazione della Legge 150/2000 e il riconoscimento delle professionalità dei giornalisti dei rispettivi Uffici Stampa. Il Presidente del Gus, Alberto Giovagnoni, ed il Vice Presidente, Massimiliano Cinque, hanno incontrato il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, ed il Sindaco di Terni, Paolo Raffaelli, per intavolare con i massimi vertici istituzionali un dialogo ed un confronto costruttivo finalizzato a dare dignità professionale agli addetti dei rispettivi uffici stampa. Nel corso degli incontri il Gus ha illustrato la propria piattaforma sindacale ed ha chiesto l’applicazione delle normative previste per il settore, tenendo conto delle situazioni contingenti delle strutture di informazione dei due Enti, del quadro legislativo vigente, dello stato della trattativa tra Aran-Fnsi e organizzazioni sindacali a livello nazionale, del protocollo d’intesa firmato tra Asu, Gus, Anci, Upi ed Uncem regionale e della mozione recentemente approvata all’unanimità dall’Assemblea dell’Associazione stampa umbra. Quello dei giorni scorsi si configura come un primo importante passo per affermare i diritti dei giornalisti degli uffici stampa pubblici di Provincia e Comune di Terni con un giudizio sostanzialmente positivo relativamente agli incontri effettuati che hanno posto in luce le varie situazioni e le problematiche inerenti agli uffici stampa e ai rispettivi operatori. Al termine delle riunioni è emersa la volontà di affrontare proficuamente le questioni poste sul tavolo anche nell’ottica di un coinvolgimento della Regione finalizzato alla formulazione di un accordo-quadro per l’Umbria sul versante degli uffici stampa che possa fungere da cornice di riferimento e consentire agli enti pubblici spazi di manovra ulteriori ed aggiuntivi a quelli esistenti per dare risposte concrete alle esigenze dei tanti giornalisti che lavorano quotidianamente negli uffici stampa.


5/3/2007 ore 19:41
Torna su