26/11/2020 ore 18:19
Terni: intervento chirurgico di alta professionalità al "Santa Maria", asportato un tumore al cervello in anestesia locale
Nei giorni scorsi presso l’Azienda ospedaliera di Terni è stato eseguito un delicato intervento neurochirurgico che non era mai stato svolto prima in Umbria ed anzi era stato realizzato solo in pochi altri centri in Italia. L’intervento è stato effettuato su di un paziente affetto da un tumore localizzato a livello del lobo frontale destro del cervello. La procedura chirurgica è stata effettuata dal dottor Sandro Carletti, attuale responsabile della Neurochirurgia dell'ospedale di Terni, il quale si è avvalso della qualificata consulenza del professor Carmelo Anile dell'Università Cattolica di Roma. Il paziente, un uomo di 76 anni, è stato sottoposto ad un intervento neurochirurgico di alta specialità consistente nell’asportazione della lesione tumorale cerebrale descritta in anestesia locale e con il paziente sveglio. "L'organizzazione e il buon esito di questa complessa procedura - si legge in un comunicato - è stato possibile grazie al lavoro combinato dell'équipe neurochirurgica, di quella anestesiologica, coordinata dalla dottoressa Lorenzina Bolli, nonché di tutto il personale della sala operatoria, della terapia intensiva e del reparto di neurochirurgia. La dottoressa Bolli, effettuando un’appropriata sedazione farmacologica associata all'anestesia locale nella zona cutanea sede dell'intervento, ha permesso al dottor Carletti di realizzare la prima esperienza regionale di “awake surgery” (letteralmente “chirurgia da sveglio”) per un trattamento neurochirurgico di alta specialità. Elemento particolarmente significativo è che per tutto il tempo dell’intervento il neurochirurgo e l’anestesista hanno potuto colloquiare con il paziente valutando in tempo reale eventuali modificazioni neurologiche che si fossero verificate. Tale tipo di procedura chirurgica a “paziente sveglio” è stata dettata dalle complicate condizioni generali del paziente, caratterizzate da un grave quadro di insufficienza respiratoria e da problematiche cardiologiche derivanti da un precedente infarto. Considerate queste problematiche generali i sanitari hanno ritenuto eccessivo l’aumento di rischio per il paziente qualora fosse stato sottoposto ad una anestesia generale tradizionale. Tale tipo di anestesia infatti, oltre ad aver necessitato di una degenza post-operatoria in rianimazione, avrebbe anche verosimilmente aggravato la già precaria funzionalità respiratoria del paziente, costringendo lo stesso ad un prolungato ricovero e ad un lento svezzamento dal respiratore automatico. Al contrario, l’innovativa procedura effettuata ha permesso al paziente di poter essere trasferito subito dopo l’intervento presso la terapia intensiva neurochirugica e semplicemente monitorizzato per pochi giorni, mantenendo condizioni respiratorie e cardiologiche nell’ambito fisiologico e comunque del tutto sovrapponibili a quelle del periodo preoperatorio. Dal punto di vista neurochirurgico l'intervento, perfettamente riuscito, ha consentito la completa asportazione della lesione, come dimostrato dai successivi controlli radiologici eseguiti, in assenza di esiti conseguenti. Il paziente infatti è perfettamente indenne da qualsiasi deficit neurologico e sta per essere dimesso. Accanto al successo clinico, si è potuto verificare anche la positività sul versante gestionale, infatti la durata e i costi del ricovero in questione sono risultati decisamente inferiori rispetto a quelli di pazienti con patologie simili. Il dottor Carletti, il professor Anile e la dottoressa Bolli si sono dichiarati estremamente soddisfatti e orgogliosi del risultato che non rappresenta un traguardo ma un punto di partenza per sviluppare sempre più tale metodica e altre innovazioni sul versante della alta specialità. Ciò al fine di dare le migliori risposte possibili ai pazienti affetti da patologie neurologiche e porre l’Azienda ospedaliera di Terni sempre più all’avanguardia per il livello delle prestazioni erogate al cittadino.


29/1/2007 ore 11:18
Torna su