29/11/2020 ore 07:39
Rapimento in Nigeria: la Procura di Roma sollecita il Ministero della Giustizia ad intervenire nel caso vengano scoperti i responsabili
Ancora nessuna novità riguardo al rapimento del cittadino ternano Roberto Dieghi e degli altri italiani rapiti lo scorso 7 dicembre in Nigeria. Frattanto la Procura di Roma, che aveva già aperto una inchiesta, ha sollecitato il ministero della Giustizia affinchè formuli la richiesta necessaria per poter procedere eventualmente, qualora vengano individuati, contro i responsabili. L'atto è indispensabile nei casi in cui venga commesso un delitto all'estero ai danni di un cittadino italiano. Il pubblico ministero Diana De Martino, titolare dell'indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Italo Ormanni, ha configurato il reato di sequestro di persona a scopo di estorsione (articolo 630 del codice penale), ritenendo che l'obiettivo del rapimento sia un riscatto in denaro ed escludendo, quindi, al momento, l'ipotesi di atti di terrorismo nei confronti dell'Italia. Mettendo inoltre in subordine le motivazioni politiche che, fino ad ora, sono state rilanciate dai guerriglieri del Movimento per l’emancipazione del Delta del Niger che, per la liberazione dei quattro rapiti (oltre ai tre italiani c’è anche il libanese Imad Salib) ha chiesto la scarcerazione di alcuni leader del movimento separatista. Il fascicolo della procura romana contiene gli accertamenti svolti dai carabinieri del Ros e le varie dichiarazioni di persone informate sui fatti. Intanto, uomini armati hanno ucciso 12 persone tra cui quattro capi di comunità locali durante un attacco a una nave commerciale nelle remote insenature del Delta del Niger, in Nigeria. Le compagnie petrolifere occidentali hanno evacuato le loro piattaforme della zona, che producono ogni giorno 60mila barili di greggio, ma i portavoce delle compagnie non hanno specificato se la produzione è stata fermata. L'attacco è avvenuto domenica, quando alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco su una nave che stava trasportando 14 passeggeri a Kula, nell'area costiera dello stato di Rivers, un labirinto di insenature ricoperte da mangrovie.
16/1/2007 ore 18:10
Torna su