02/12/2020 ore 11:29
Terni: il Tar dell'Umbria ha respinto il ricorso degli abitanti di via Breda che chiedevano la chiusura del traffico in zona
Il Tar dell'Umbria ha dichiarato inammissibile il ricorso di trenta residenti di Borgo Bovio che si erano appellati contro la chiusura al traffico di via Breda. Uno stop alla circolazione decretato dal comune di Terni per consentire la realizzazione del sottopasso che eliminerà il passaggio a livello e che migliorerà la viabilità dell'intera zona. Il Tar ha respinto il ricorso, condannando i ricorrenti al pagamento delle spese legali (tre mila euro) a favore del comune. Il Tribunale Amministrativo Regionale nella sentenza riconosce appieno la legittimità dell'operato del mobility manager che ha disposto dall'aprile 2006 sino a ottobre 2007 il divieto assoluto di circolazione di via Breda nel tratto compreso tra le intersezioni con via Verri e via Ponte d'Oro. Una chiusura, sostiene il Tar, necessaria per consentire la realizzazione di un'opera che è giudicata opportuna in quanto migliorerà l'accesso agli impianti delle acciaierie, ma anche la viabilità dell'intero quartiere, ad iniziare da un accesso più rapido sia verso il centro cittadino che, in altra direzione, verso importanti servizi pubblici, come l'ospedale. Inevitabile, al fine dell'installazione del cantiere, la chiusura totale della via, così come che il traffico venga 'automaticamente' riversato sull'asse Tre Venezie-via Romagna-via Rosselli.
(Foto di archivio)
18/1/2007 ore 15:26
Torna su