29/11/2020 ore 14:43
Terni: immigrazione clandestina e guida in stato di ebbrezza, arresti e denunce dei carabinieri nelle ultime ore
Lotta all’immigrazione clandestina e patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza. Quello da poco passato è stato un fine settimana molto impegnativo per i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Terni i quali hanno denunciato in stato di libertà per guida in stato d’ebbrezza due ternani di 33 e 26 anni. Nella notte di domenica il 33enne che era alla guida di una Fiat Punto in viale Borzacchini al segnale di stop dei carabinieri arrestava la marcia in ritardo proseguendo per alcune decine di metri e scambiandosi di posto con una ragazza che si trovava con lui in macchina. La giovane si metteva alla guida dell’auto ed eseguiva una manovra di retromarcia, ma lo stratagemma non è sfuggito ai militari i quali contestavano questa “manovra” ai due che messi alle strette ammettevano di essersi scambiato il posto. L’uomo risultava positivo all’alcoltest, così oltre alla denuncia, ai due conducenti veniva anche ritirata la patente di guida, con conseguente periodo di sospensione e decurtazione di 10 punti. Un analogo episodio è accaduto nelle prime ore di questa mattina, sempre in città. Un ternano di 26 anni, che era alla guida di una Golf, non ottemperava al segnale di stop intimatogli dai carabinieri ma veniva bloccato dopo un breve inseguimento. L’uomo evidenziava i sintomi classici dello stato d’ebbrezza alcolica (alito vinoso, equilibrio precario, ecc.) e dunque veniva sottoposto ad esame con etilometro, dal quale risultava un tasso alcolemico superiore al limite consentito. Anche per lui è scattata la denuncia con conseguente ritiro della patente. Anche sul fronte dell’immigrazione clandestina il lavoro dei carabinieri nei giorni scorsi è stato molto impegnativo. Lo scorso venerdì i carabinieri della Radiomobile arrestavano un cittadino tunisino di 37 anni per inottemperanza all’ordine del Questore di Terni di lasciare il territorio nazionale emesso dieci giorni prima, l’extracomunitario era stato fermato nei pressi del centro commerciale di di Cospea poiché si aggirava con fare sospetto tra le autovetture in sosta. L’uomo è stato accompagnato in caserma e poi sottoposto a giudizio per direttissima è stato condannato a cinque mesi di reclusione. U
Nel pomeriggio di domenica ancora una pattuglia della Radiomobile si è recata in piazzale Bosco ove era stata segnalata una persona stesa a terra priva di sensi. Qui i carabinieri, con l’ausilio del personale del 118, soccorrevano l’uomo constatando che si trattava di un cittadino ucraino di 30
anni completamente ubriaco e che stava dormendo profondamente. Dopo essere stato trasportato al Pronto Soccorso ed aver ripreso conoscenza, lo straniero veniva identificato e dal momento che risultava essere entrato in Italia clandestinamente veniva denunciato per inosservanza delle norme sul soggiorno degli stranieri..
19/9/2006 ore 16:05
Torna su