02/12/2020 ore 04:36
Terni: scoperta casa di appuntamenti in via Marzabotto, arrestata una cinese di 35 anni che faceva prostituire sue connazionali
Cinesi all'arrembaggio dei mercati occidentali. Tutti, senza distinzione alcuna. E siccome tra le tante forme "mercantili" c'è anche quella della prostituzione ecco che qualcuno ha pensato che era ora di cominciare a proporsi anche su questo versante. Un fatto diventato pressochè abituale nelle grandi città ma nuovo per Terni. Ha dunque sorpreso la scoperta fatta dalla polizia del nostro capoluogo di una casa di appuntamenti dove sia la "maitresse" che le ragazze che si prostituivano erano tutte orientali, per l'esattezza cinesi. Le indagini portate avanti negli ultimi tempi dalla squadra mobile della Questura ternana, hanno permesso di individuare un appartamento in via Marzabotto, dove a seguito di numerose segnalazioni fatte dai condomini del palazzo, si verificava un viavai continuo di uomini di tutte le età. Questo particolare ha subito allertato gli agenti ai quali non c'è voluto molto per capire cosa succedesse dentro a quell'appartamento. Con il solito stratagemma si sono introdotti in casa e qui hanno scoperto una donna cinese di 35 anni, due sue "collaboratrici" e altre due connazionali più giovani soprese mentre erano in intimità con due clienti ternani. La donna è stata arrestata con l'accusa di induzione alla prostituzione; pare che per gestire la casa e tenere i rappporti con la "clientela" pretendesse dalle ragazze il 60% dei soldi incassati. Il sistema per attirare i clienti era sempre lo stesso: inserzioni su giornali settimanali di annunci e poi contatti telefonici per confermare indirizzo e orari di appuntamenti. Nel frattempo la polizia ha arrestato anche la donna colombiana che tempo addietro aveva preso in affitto un appartamento in via Doberdò (Città Giardino) e lo aveva adibito a casa di appuntamento.


18/9/2006 ore 16:25
Torna su