29/11/2020 ore 15:12
Terni: continua con successo la manifestazione "Maree"
La festosa inaugurazione di Maree, culture in viaggio edizione 2006 dello scorso fine settimana, con i colori, le musiche e gli spettacoli del gruppo teatrale Milòn Mèla e della comunità indiana locale, ha visto una folla di curiosi ed appassionati di questa cultura millenaria applaudire, per le vie e le piazze della città, le coinvolgenti performance degli artisti. La nave è, quindi, ormai salpata ed inizia la rotta. Venerdì 14 e sabato 15 luglio, a Collescipoli, presso il Chiostro di Santa Cecilia, comincia il confronto tra le due culture indiana e sarda. Si inizia venerdì alle 22 con la danza classica indiana in stile Bharata Natyam (lo stile più antico originario dell’India del sud). Lo spettacolo, dal titolo Shiva Shambo (ossia il suono di Shiva) prevede una serie di danze, con varietà di movimenti e di ritmi, a cura di Ishvari Devi, ed accompagnamento di musiche tradizionali elaborate da Diego Bosco. Sabato è, invece, il primo incontro di Maree 2006 con la Sardegna. Il Canto Sardo a Chitarra (gli artisti: Tore Matzau chitarra, Gianuario Sannia fisarmonica, Gianni Denanni, Cinzia Boy e Marco Manca canto) è un sistema tradizionale di competizione poetico-musicale il cui scopo, nel rito della ripetizione della sfida tra cantori, è esaltare la “valentìa”, il valore dell'uomo sardo. Inoltre, per la sua originalità, il canto sardo a chitarra rinvia a certi grandi generi musicali che segnano il passaggio dal folklore tradizionale alla musica popolare moderna come, per esempio, il blues, la bluegrass music, il flamenco o il cosiddetto jazz zingaro.
Come consuetudine di Maree, inoltre, i due spettacoli saranno introdotti, alle ore 20.30, da degustazioni di cibi indiani e prodotti enogastronomici sardi.
Per sabato è prevista, alle 18,30, anche una visita guidata attraverso il suggestivo borgo di Collescipoli.
12/7/2006 ore 15:50
Torna su