29/05/2020 ore 11:24
Narni: festa agli sgoccioli, ma in città si respira ancora l'atmosfera medioevale grazie all'appendice che si chiuderà domani con la giostra al campo
E’ partita bene l’appendice alla festa che si concluderà domani con la giostra delle città dell’anello. Da ieri sera la città ha ripreso a svolgere quelle attività che fino a domenica scorsa avevano caratterizzato la vita delle centinaia di persone coinvolte nella corsa dell’anello, dunque osterie aperte e clima di festa in tutte le vie. Nel pomeriggio si sono anche svolte le prove ufficiali alle quali hanno preso parte i 6 cavalieri, uno per ogni città che domani parteciperà alla giostra e non sono mancati applausi da parte del discreto pubblico che dalle gradinate vi ha assistito. In serata, oltre alla prevista ultima serata del Convivio gastronomico che ha avuto luogo nel terziere di Fraporta, si è svolto il “Pallium Bubulcorum”, una vera e propria rassegna di giochi popolari medioevali. Nel rispetto della tradizione i contradaioli si sono affrontati nelle varie “specialità”: la corsa degli asini dei ragazzi, i “Ponticelli”, la corsa delle barelle, la corsa degli asini delle ragazze e il tiro alla fune. Oggi il programma delle manifestazioni prevede iniziative di carattere squisitamente culturale. Alle 17 al teatro “Giuseppe Manini” avrà luogo una conferenza dal titolo “Un dipinto politico nella cattedrale di Narni” a cura del professor Corrado Fratini docente di Storia dell’Arte all’Università di Perugia. Alle 21, ancora al teatro, “La dolce arte della danza”, incontro conclusivo del laboratorio di danza medievale e rinascimentale.
20/5/2006 ore 14:39
Torna su