06/06/2020 ore 18:32
Narni: dalla Provincia una proposta per candidare la città ad ospitare un "Centro di studi Bruniani"
La città di Narni si candida ad ospitare un “Centro di Studi Bruniani”. Un ordine del giorno, presentato dal Gruppo DS al Consiglio provinciale di Terni, impegna, infatti, il Presidente e la Giunta di Palazzo Bazzani ad attivarsi affinché venga favorita la collocazione di Associazioni volte allo studio del pensiero di Giordano Bruno in una sede idonea nella città di Narni. Con questo obiettivo è stata approvata una risoluzione dallo stesso Consiglio provinciale con una sola astensione, quella della Capogruppo di FI Gabriella Caronna. “L’intento è quello di dare vita ad un “Centro Internazionale di Studi Bruniani”, possibilmente all’interno di Palazzo Eroli -ha detto il Capogruppo dei DS, Roberto Montagnoli, illustrando il documento- con lo scopo di promuovere il pensiero del filosofo nolano ed approfondire le correnti di pensiero affini. La prossima collocazione del busto di Giordano Bruno a Narni può rappresentare il primo passo per la realizzazione di questa iniziativa ”. In sintonia con la proposta i Consiglieri diessini Gabriella Tassi e Pierluigi Spinelli, ed il Consigliere dello SDI Marsilio Marinelli. Pur riconoscendo la validità e l’attualità dei valori bruniani, i Consiglieri del centrodestra Paolo Maggiolini-UDC, Giovanni Montani e Mario Montegiove-AN, Gabriella Caronna-FI hanno, in un primo momento, contestato la richiesta di collocare a Palazzo Eroli il “Centro di Studi Bruniani”, “quando -hanno affermato- non si è costituita ancora l’associazione e non se ne conoscono né lo statuto, né le finalità, né tanto meno i programmi”. Anche l’Assessore provinciale alla “Cultura”, Giuseppe Chianella, ha condiviso questa impostazione affermando che “la nascita di un “Centro di Studi Bruniani” va salutata positivamente. Solo dopo che si sarà costituita l’associazione potremo accogliere la proposta”. Questa è stata la motivazione che ha spinto la Capogruppo di FI, Caronna, ad astenersi al momento del voto sul documento finale.

10/3/2006 ore 15:12
Torna su