26/09/2020 ore 17:52
Terni: dall'inizio del 2020 sono 132 gli stranieri espulsi dalla questura ed accompagnati nei Cpr per il rimpatrio
E’ un cittadino egiziano di 22 anni, con precedenti per spaccio, l’ultimo straniero espulso dalla Polizia di Stato di Terni. Il numero dei provvedimenti eseguiti dall’Ufficio Immigrazione della questura ternana dall'inizio dell'anno sale così a 132. Lo straniero, al quale è stato rifiutato il permesso di soggiorno a causa dei gravi precedenti penali, è stato accompagnato al 'Cpr' (Centro di Permanenza e Rimpatrio) di Bari per il successivo rimpatrio nel suo paese di origine. Nei giorni scorsi, altri tre stranieri, ritenuti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, sono stati espulsi ed accompagnati alla frontiera aerea di Fiumicino. nello specifico si trattava di un albanese di 33 anni, gravato da reati contro la persona, furto in abitazione, detenzione illegale di armi e spaccio; un suo connazionale di 26 anni, pregiudicato per spaccio di cocaina e reati contro la persona ed un tunisino di 45 anni con precedenti per spaccio, evasione, incendio e monitorato dalle forze dell’ordine, "perché - spiegano dalla questura di Terni -, ritenuto a rischio di radicalizzazione religiosa". Sempre nei giorni scorsi, due stranieri, scarcerati al termine dell’espiazione della pena detentiva, sono stati accompagnati ai Cpr. Si tratta di un albanese, condannato a 14 anni per l’omicidio volontario di un transessuale brasiliano a Milano e di un marocchino, condannato a 6 anni per spaccio. Delle 132 espulsioni eseguite dall’Ufficio Immigrazione dall’inizio dell’anno, molte sono il risultato dell’attività di monitoraggio costante, da parte degli operatori, sui requisiti che determinano la permanenza sul territorio nazionale, in mancanza – o con la perdita - dei quali si procede alla revoca o al rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno.
8/9/2020 ore 13:20
Torna su