21/09/2019 ore 11:08
Terni: ciclomotori rubati usando un congegno elettrico che li mette in moto senza chiavi, denunciato un ventenne
Se ne andava in giro con un marchingegno elettrico piuttosto curioso. Si tratta di una sorta di "avviatore" che, una volta collegato al blocchetto di accensione di un ciclomotore, č in grado di mettere in moto il mezzo e di trafugarlo. Sono stati i carabinieri di Terni a fermare il giovane, che era in sella ad un ciclomtore rubato. E' successo nel capoluogo dove i militari hanno denunciato in stato di libertą per ricettazione un 20enne ternano. Gli uomini dell'Arma hanno sorpreso il giovane che aveva indosso anche un modesto quantitativo di sostanza stupefacente. Ma la cosa che ha incuriosito i carabinieri č stato il marchingegno che il ragazzo aveva con sč, ovvero uno strano oggetto in grado di avviare, anche senza chiavi, i ciclomotori. Ad allertare i militari era stato il proprietario di un motorino che gli era stato rubato lungo una strada dove lo aveva parcheggiato. I militari hanno intercettato e bloccato, nei pressi di piazza della Pace, un giovane, poi identificato in un 20enne ternano, che era alla guida del veicolo rubato. Al ragazzo, oltre ad una piccola quantitą di hashish, i carabinieri hanno sequestrato anche uno strano marchingegno di piccole dimensioni. Lo strumento avrebbe permesso al ventenne, dopo averlo collegato al blocchetto di accensione opportunamente manomesso, di avviare il ciclomotore. I carabinieri ritengono che questo apparecchio sia in grado di avviare vari modelli di cilcomotore, pur in assenza delle relative chiavi. Il giovane č stato segnalato alla Procura della Repubblica ed alla Prefettura rispettivamente per ricettazione ed uso di sostanze stupefacenti.
4/9/2019 ore 14:35
Torna su