26/04/2017 ore 00:09
Sindaci, Sii e Aman tranquillizzano i cittadini: "l'acqua che esce dai rubinetti e di buona qualità"
I cittadini possono usare l'acqua che esce da rubinetti dello loro case, senza alcun timore. La rassicurazione è giunta dai sindaci della provincia al termine di un incontro organizzato da Sii ed Aman. Erano presenti i primi cittadini di: Alviano, Amelia, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecchio, Attigliano, Avigliano Umbro, Calvi dell’Umbria, Giove. Guardea, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montecchio, Narni, Otricoli e Penna in Teverina. Nel corso dell'assemblea sono stati forniti dei chiarimenti in merito alla presenza di tetracloroetilene nel campo pozzi Cerasola in località Maratta Alta. "E’ stato chiarito - si legge in una nota - che il fenomeno è emerso nei primi giorni del mese di gennaio e che è stato costantemente monitorato mediante analisi bisettimanali, sia delle acque prelevate dai singoli pozzi, sia di quelle immesse in rete. I dati del monitoraggio, messi a disposizione, dimostrano che l’acqua erogata è sempre stata sicura perché con concentrazioni al disotto del limite di 10 µg/l fissato dalla norma per le acque destinate al consumo umano. E’ stato evidenziato che le aree interessate da questo tipo di contaminazione interessano a macchia di leopardo tutto il territorio nazionale perché tale sostanza è largamente utilizzata in numerosissimi processi produttivi, ma il fatto che nella conca ternana il fenomeno, benché conosciuto e già oggetto di vari studi sin dall’anno 2006, continui a manifestarsi in modo non prevedibile, andando ad interessare aree ad oggi incontaminate, è indice preoccupante della scarsa conoscenza dell’evolversi dello stesso e dei fenomeni che lo hanno generato. Tuttavia l’ing. Rueca (SII) - continua la nota stampa -, ha dato la più ampia assicurazione sulla qualità dell’acqua erogata e ha comunicato che, quanto prima, il campo pozzi verrà dotato di filtri a carboni attivi in grado di eliminare l’inquinante qualora dovessero verificarsi aumenti della concentrazione; ha inoltre annunciato di aver chiesto a Regione e Arpa la costituzione di un tavolo tecnico per affrontare la problematica ed inserirla nel Piano Regionale di Tutela delle Acque in corso di aggiornamento. In un’ottica di totale trasparenza verso la comunità, settimanalmente da parte del gestore della rete idrica (Aman) verranno forniti sul sito www.amanscpa.it i dati ufficiali delle analisi. Tutti i sindaci presenti, unitamente a SII e Aman, intendono farsi parte attiva affinché Regione, Arpa e Amministrazioni locali coinvolte mettano a fattor comune tutte le competenze necessarie per analizzare in modo sistematico la problematica e individuare azioni preventive e di bonifica legate all’uso del sito attuale e futuro".
17/3/2017 ore 12:53
Torna su