25/06/2017 ore 00:37
Attigliano: i carabinieri arrestano un 38enne che aveva molestato sessualmente una studentessa in attesa del treno
I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Amelia hanno arrestato per violenza sessuale un 38enne nigeriano. L'uomo è accusato di avere molestato sessualmente una studentessa alla stazione ferroviaria di Attigliano. Secondo la ricostruzione fatta dall'Arma, l'uomo alla fine del mese scorso, l’africano, titolare di permesso di soggiorno per asilo politico rilasciato a Treviso, città dalla quale si era però allontanato diventando di fatto senza fissa dimora, avrebbe avvicinato, all’interno del terminal dello scalo ferroviario di Attigliano, una 19enne, studentessa universitaria amerina, pendolare con la capitale. L’uomo, avrebbe infastidito la giovane con insistenti approcci di natura sessuale, dapprima solo verbali, poi sarebbe passato alle vie di fatto. nella circostanza lo straniero sarebbe stato messo in fuga dal tempestivo intervento di due uomini che erano anche loro in attesa del treno. Le indagini esperite dagli investigatori dell’Arma a seguito della denuncia presentata il giorno dopo dalla ragazza, accolta nella “Stanza tutta per sé” del comando provinciale dove raccontava il brutto episodio di cui era stata protagonista, hanno permesso di dare un’identità al molestatore. L’aggressore è stato infatti riconosciuto sia dalla vittima che dai due suoi soccorritori, che nel frattempo erano stati rintracciati dai carabinieri e che hanno confermato la dinamica dell’evento denunciato. Il preciso quadro probatorio così raccolto dai militari è stato inoltrato all’Autorità Giudiziaria che, accogliendolo, ha emesso nei confronti del 38enne, già tratto in arresto nel giugno 2016 per violenza privata e lesioni commesse ai danni di una donna polacca a bordo di un convoglio ferroviario in Friuli, un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere per il reato di violenza sessuale. Il nigeriano, rintracciato ad Attigliano dai militari, è stato quindi arrestato e tradotto presso il carcere di vocabolo Sabbione.
14/3/2017 ore 11:56
Torna su