05/12/2020 ore 12:37
Terni: il Sii stanzia 150mila euro a favore delle "utenze deboli", sono 1.250 i cittadini assistiti
Sono 1.200 le famiglie ammesse ad usufruire dei 150mila euro previsti dal Fondo Utenze Deboli (Fud) di Ati4 Umbria e Sii, in collaborazione con la consulta dei consumatori. Oltre il 73% degli aventi diritto risiedono a Terni e nella Conca ternana, il 14% nel narnese-amerino e il 12% nell’orvietano. Lo stanziamento medio per ogni famiglia si aggira sui 120euro annui, ma ci sono punte anche di 450euro, a seconda dell’ammontare dell’Isee. Solo circa centottanta su 1.430 le domande escluse perché non rientranti nei criteri previsti dal bando, mentre 45 sono gli aventi diritto che non è stato possibile coprire per esaurimento delle risorse. I dati di questa terza edizione del Fud sono stati forniti da Ati4 Umbria e Sii in una conferenza stampa nella sede Ati di Terni alla presenza del presidente Sii Stefano Puliti, del direttore Ati 4 Umbria Roberto Spinsanti, del responsabile del front office Sii, Pietro Pacelli, di Isoliero Cassetti, segretario della consulta dei consumatori, di Fausto Mazzeschi e Franco Todaro di Federconsumatori e di Alessia Antonelli di Adoc. “Anche quest’anno – ha detto il presidente Puliti – i positivi risultati del Fondo utenze deboli confermano che la crisi non è ancora passata. E’ vero che c’è stato un calo di circa 300 domande rispetto all’anno scorso ma questo non è dipeso da un aumento del benessere o da inefficienze del bando, piuttosto dal nuovo sistema di calcolo Isee che ha rivisto i parametri per calcolare i redditi degli eventuali aventi diritto. Quello di Ati 4 umbria, Sii e associazioni dei consumatori è stato un lavoro duro e difficile – ha sottolineato Puliti - ma anche ricco di soddisfazioni per essere riusciti a dare un aiuto concreto alle famiglie. Sappiamo che il Fud non è la panacea di tutti i problemi ma sappiamo altrettanto bene che siamo i primi in Umbria a metterlo in atto ormai con successo da tre anni e siamo tra i pochissimi a farlo in Italia. E’ un ulteriore strumento per venire incontro alle famiglie e un’ulteriore dimostrazione che Ati 4, Sii e associazioni dei consumatori pongono continua attenzione agli aspetti sociali del servizio”. Puliti e Spinsanti hanno ribadito la volontà di confermare il Fud anche per l’anno prossimo. “Sicuramente con le stesse risorse – hanno sottolineato – poi vedremo se poterle aumentare con la collaborazione della Regione”. Puliti ha poi sottolineato i possibili futuri scenari nazionali con l’avvento della tariffa unica acqua, luce, gas. “L’orientamento – ha spiegato – è quello di prevedere sgravi, ipoteticamente anche fino al 20%, per gli utenti a basso reddito. Se così sarà vedremo come riconfermare il Fud e come modularlo”. Cassetti, a nome della consulta, ha giudicato molto positivamente il Fud, “frutto – ha detto – della proficua collaborazione con Sii e Ati 4 Umbria che ha l’unico obiettivo di aiutare le famiglie in difficoltà. Noi – ha poi aggiunto – stiamo lavorando anche per diffondere sul territorio le innovazioni tecniche e tecnologiche introdotte recentemente dalla Sii, in particolare con il front office on line”. Cassetti ha concluso auspicando la possibilità di creare anche una consulta con Asm sui rifiuti, ricalcando il modello fatto per il servizio idrico. Info su www.ati4umbria.it e www.siiato2.it
14/11/2015 ore 2:45
Torna su