21/11/2019 ore 01:16
Tasse: la Regione conferma la scelta di non aumentare aliquote ed addizionali, rinunciando a 90 milioni di introiti
“Come da cinque anni a questa parte anche nel Dap 2015 la Regione Umbria ha confermato la scelta politica di non aumentare aliquote ed addizionali di propria competenza, che avrebbe potuto portare nelle casse del bilancio regionale una somma stimata attorno ai 90 milioni di euro”. Lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenendo alla riunione del Tavolo generale dell’Alleanza. “Il Dap 2015 – ha evidenziato la presidente –, costituisce la base del bilancio regionale ed è, quest’anno, anche un documento di passaggio tra due legislature. La scelta di non agire sulla leva fiscale è dettata dalla piena consapevolezza della difficile condizione sociale ed economica presente nel Paese ed in Umbria, che incide sulla nostra comunità in tutte le sue articolazioni. Continueremo dunque con rigore sulla strada già intrapresa di contenimento, razionalizzazione, riorganizzazione e ottimizzazione della spesa, senza intaccare servizi essenziali come la sanità e trasporti, ma concentrando le risorse su ciò che può produrre sviluppo, crescita ed innovazione in settori importanti come quello delle imprese, della ricerca, del lavoro e della formazione professionale, cogliendo anche appieno le opportunità offerte dalla nuova Programmazione comunitaria”. “Questo – ha concluso Marini – nonostante un contesto di oggettiva difficoltà economica caratterizzato da sempre minori trasferimenti statali e dagli effetti sulle Regioni della Legge di Stabilità e del taglio dell’Irap”.
24/1/2015 ore 2:28
Torna su