04/12/2020 ore 21:48
Terni: task force della polizia provinciale contro i reati ambientali, in sei mesi denunciate 22 persone
Centoventi controlli, 22 denunce, 27mila euro di contravvenzioni. Sono questi i dati dell’attività del Nucleo Operativo Speciale (Nos) della polizia provinciale comandata dal capitano Gervasio Gialletti. Il rapporto sulle attività svolte fin qui in questo 2013, è stato reso noto dal comando di Palazzo Bazzani e riguarda una vasta serie di sopralluoghi e verifiche in materia ambientale. Sul totale dei controlli, oltre 70 sono stati sopralluoghi in impianti per verificare il rispetto della normativa in materia ambientale, in particolare sulla gestione dei rifiuti, la tutela delle acque, sia dal punto di vista dei prelievi che degli scarichi, e le emissioni di sostanze inquinanti in atmosfera. Tali controlli sono stati realizzati soprattutto in siti industriali o artigianali, anche di elevata complessità, in luoghi sensibili dal punto di vista rischio di inquinamento ambientale ove vi sia la produzione di rifiuti speciali, soprattutto pericolosi, presenza di scarichi di reflui industriali, prelievo cospicuo di acque pubbliche da pozzi o da corpi idrici ovvero presenza di emissioni in atmosfera quali fumi o polveri. E’ stata inoltre effettuata attività di vigilanza su opere idrauliche per l’individuazione e rimozione di ostacoli al libero deflusso delle acque nei principali corsi d’acqua della provincia. Di notevole rilievo anche l’inizio della collaborazione con il Servizio idrico integrato per l’individuazione e la repressione degli illeciti in materia di scarichi industriali abusivi. L’attività svolta dal Nos, coordinato dal tenente Mario Borghi, è finalizzata soprattutto alla prevenzione di possibili infrazioni attraverso la presenza continuativa in tutte le zone sensibili della provincia, ivi comprese le aree più marginali delle zone industriali ed artigianali dei centri minori “Un lavoro continuo e sistematico – commenta l’assessore provinciale Filippo Beco - che ha come obiettivo quello di risolvere i problemi e lavorare in squadra con le altre forze di polizia e la magistratura sul fronte dell’ambiente, tenendo conto delle esigenze delle attività produttive e quelle dei cittadini. Le esperienze e le professionalità maturate configurano oggi la polizia provinciale come un organo di polizia giudiziaria al quale vengono affidati, insieme alle funzioni già svolte istituzionalmente, anche importanti compiti da parte dell’autorità giudiziaria”.
12/8/2013 ore 19:03
Torna su