26/11/2020 ore 10:18
Minaccia, aggredisce e picchia chiunque gli capiti a tiro nel palazzo, arrestato un alcolista 54enne
Alcolista cronico, con evidente propensione alla violenza. Caratteristiche che sono costate l'arresto a un 54enne ternano. L'uomo ha seminato il panico tra gli inquilini del condominio dove abita. E' successo in uno stabile di un quartiere cittadino. L'uomo, già nelle prime ore di ieri, aveva manifestato comportamenti violenti nei confronti di una giovane operaia la quale, rincasata dal turno di notte, aveva lamentato una infiltrazione d’acqua nel suo appartamento. La donna si era accorta che l'acqua veniva dall’abitazione dell’uomo il quale, alle lamentele, ha risposto dapprima con insulti e poi sarebbe passato al tentativo di aggressione, vanificato dalla donna che si è rifugiata in casa chiedendo aiuto al “113”. L’intervento degli agenti della Squadra Volante sul momento ha riportato la calma, ma nella circostanza gli stessi apprendevano che l’uomo già da qualche tempo era solito ascoltare la musica a tutto volume, anche di notte, sferrare calci sulle porte degli appartamenti, suonare con insistenza i campanelli e i citofoni di tutti coloro che gli manifestavano insofferenza per le sue condotte, minacciando inoltre chi osava esternare rimostranze e ingiuriando tutti, in particolare le donne. Gli uomini della Volante hanno accertato che l’uomo viveva con i genitori ultraottantenni, con il padre gravemente infermo e accudito da una badante. Nel corso della stessa mattinata la Volante è dovuta intervenire di nuovo nello stesso palazzo su segnalazione della badante del padre la quale denunciava di essere appena sfuggita all’uomo che dapprima le aveva sottratto il telefonino dalle mani lanciandolo dal terzo piano e poi l’aveva schiaffeggiata, arrivando a minacciarla di ucciderla con un grosso coltello da cucina. L’uomo è stato tratto in arresto i reati di violenza privata e per il reato di minaccia aggravata dall’utilizzo dell’arma. Le indagini svolte dalla Polizia di Stato hanno permesso di appurare che l'uomo da anni avrebbe commesso gravi maltrattamenti nei confronti degli anziani genitori: vessazioni, angherie, percosse ed umiliazioni. I due anziani, che praticamente mantengono economicamente il figlio da anni, hanno vissuto in un clima di terrore e rassegnazione, mantenendo nascosta, per vergogna, la condizione di alcolista cronico del figlio ed assecondando ogni sua pretesa economica per procurarsi l’alcol. La situazione sarebbe peggiorata anni fa, in concomitanza con la nascita della malattia invalidante che ha colpito il padre, non più in grado di camminare né di parlare e quindi non più in grado di contrastare la violenza del figlio. L’arrestato, su disposizione del Pm Elisabetta Massini, è stato condotto presso il carcere di Vocabolo Sabbione.
3/8/2013 ore 13:45
Torna su