04/12/2020 ore 20:52
Abolizione provincie: riunione a palazzo Donini tra gli organi istituzionali che fanno parte della Cabina di regia
Si è svolta a Perugia, nella sede di palazzo Donini, la riunione della Cabina di regia regionale convocata dall’assessore regionale alle riforme istituzionali, Gianluca Rossi e presieduta dalla presidente della Regione, Catiuscia Marini. Nel corso dellìincontro si è discusso in maniera approfondita del decreto “spending review”, con particolare riferimento all’articolo del decreto governativo che stabilisce i criteri per la soppressione delle Provincie. Alla riunione hanno preso parte i presidenti delle Provincie di Perugia e Terni, Marco Vinicio Guasticchi e Feliciano Polli, ed i sindaci di Perugia e Terni, Wladimiro Boccali e Leopoldo Di Girolamo, in rappresentanza rispettivamente dell’Anci Umbria e del Consiglio delle autonomie locali. L’art. 17 del decreto legge - relativo alla “soppressione e razionalizzazione delle Provincie e loro funzioni” - ed i relativi criteri indicati, creerebbe per la Regione Umbria l’anomala situazione, dove la riduzione ad una sola Provincia equivarrebbe a determinare una perfetta coincidenza tra il territorio e la popolazione di ambito regionale e quello della provincia unificata. Ciò in base a criteri individuati nella deliberazione del Consiglio dei Ministri che per il riordino delle Province stabiliscono i due parametri relativi ad estensione del territorio e popolazione residente. Le istituzioni umbre, dunque, hanno espresso l’auspicio che Governo e Parlamento impediscano il verificarsi di una tale ipotesi che creerebbe oltretutto anche una profonda confusione rispetto al ruolo che le due istituzioni dovrebbero svolgere. Difficile, se non impraticabile - nell’ipotesi di una unica provincia in Umbria – anche la politica di decentramento regionale. Attualmente, infatti, le Provincie in Umbria svolgono funzioni già oggi trasferite dalla Regione in materia di politiche ambientali, trasporti, urbanistica, scuola, formazione e lavoro, etc. Nel verificarsi quindi della anomala condizione di coincidenza dei due ambiti, quello regionale e quello provinciale, di fatto si svuoterebbe il ruolo dell’istituzione provinciale, venendo meno così il decentramento stesso. In considerazione di tutte queste anomalie i rappresentanti delle istituzioni umbre auspicano una modifica sostanziale dell’articolo 17 ed esprimono condivisione e sostegno alle ipotesi di emendamenti presentati in Senato, tesi ad impedire una riforma che determini la coincidenza tra l’intero territorio regionale e l’unico ambito provinciale. La “cabina di regia” istituzionale tornerà in ogni caso a riunirsi non appena il decreto sarà convertito in legge da parte del Parlamento, per la conseguente analisi della situazione istituzionale che si sarà determinata.
24/7/2012 ore 1:15
Torna su