29/05/2020 ore 11:09
Ambiente: l'assessore Bellini sull'ipotesi di ripartenza dell'inceneritore "seguiamo gli sviluppi della vicenda"
“La Provincia di Terni segue attentamente la tematica dell’incenerimento dei rifiuti a Terni e in particolare dell’eventuale riavvio dell'impianto di Maratta per il trattamento della frazione secca, così come previsto dal piano regionale dei rifiuti”. Lo dichiara l’assessore provinciale all’Ambiente Fabrizio Bellini in relazione alla petizione popolare “Non bruciateci il futuro” promossa da Rifondazione comunista, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà e sottoposta al presidente della Provincia e alla giunta provinciale. “La Provincia – puntualizza Bellini – non ha rilasciato alcuna autorizzazione in materia, né risultano pervenute istanze agli uffici competenti. Così come previsto in questi casi, eventuali autorizzazioni verranno valutate a seguito delle istruttorie tecniche espletate nell'ambito della Conferenza di Servizio nella quale saranno chiamati ad esprimersi Comune di Terni, Regione, Arpa, Ati e Asl. Nel corso dell’istruttoria – continua Bellini – verranno coinvolti tutti i soggetti a vario titolo interessati che potranno esprimere proprie valutazioni”. Bellini coglie l’occasione per ribadire come la riduzione dei rifiuti alla fonte, la raccolta differenziata, il riciclaggio e il recupero, anche a sostegno di nuove iniziative industriali, costituisca un obiettivo strategico per la Provincia di Terni. Il presidente Polli ha intanto attivato un tavolo tecnico con il compito di approfondire lo stato di attuazione degli obiettivi del Piano regionale dei rifiuti, anche con il coinvolgimento di Arpa e Ati.
17/3/2012 ore 2:29
Torna su