29/11/2020 ore 14:28
Ruba al Coin ma viene pizzicato dai poliziotti di quartiere, arrestato un 21enne
Da qualche giorno il negozio “Coin” di Corso Tacito era sotto osservazione da parte della polizia, in quanto i responsabili avevano segnalato un certo incremento dei furti di merce. Durante i controlli i poliziotti di quartiere sono stati avvisati da una guardia interna che un giovane si stava aggirando con fare sospetto tra gli scaffali degli accessori per l’abbigliamento. Restando un po’ in disparte, i poliziotti hanno potuto vedere che il giovane, un ventunenne ternano, entrava in un camerino di prova dopo aver prelevato due camicie, un cappellino di lana e due portafogli da uomo. Pochi minuti dopo il ragazzo è uscito dal camerino e in quel momento si è accorto della presenza degli agenti. Con evidente disagio ha lanciato uno dei portafogli sullo scaffale più vicino e poi ha riposto le camicie, cercando, subito dopo, di arrivare alle scale. Gli agenti lo hanno fermato e, mentre uno dei due gli chiedeva che fine avessero fatto il cappellino e l’altro portafogli, l’altro verificava che all’interno del camerino erano stati lasciati una placca antitaccheggio e il cartellino del prezzo del cappellino. Inutili anche i primi, maldestri tentativi di negare l’evidenza. Il giovane ha dovuto ammettere i fatti e ha tirato fuori dalla patta dei pantaloni il copricapo in lana, dopo di che è stato perquisito dai poliziotti che hanno ritrovato nel marsupio che il 21enne aveva con sé il secondo portafogli. Ma non era tutto, in quanto il vigilantes aveva notato che, poco prima, il ragazzo si era messo al polso un braccialetto dopo averne staccato e gettato via il cartellino del prezzo. Accompagnato in questura, il giovane, risultato noto alle forze dell’ordine anche per altri reati contro il patrimonio, è stato arrestato per tentato furto aggravato ed oggi sarà portato davanti al giudice per il processo per direttissima.
20/1/2012 ore 0:59
Torna su