26/11/2020 ore 08:18
Raccolta differenziata: sanzioni per i Comuni che entro il 2012 non avranno raggiunto il 65%
Multe ai comuni che nel 2012 non raggiungeranno quota 65% di differenziata. A chiederlo è la Seconda Commissione consiliare rispetto alla proposta di regolamento della Giunta regionale concernente la “Applicazione delle sanzioni ai Comuni che non avranno raggiunto l'obiettivo di raccolta differenziata, stabilito per ciascun comune dal Piano d'Ambito. La richiesta formulata dal presidente del Cal, Leopoldo Di Girolamo, presente alla riunione dell'organismo consiliare si basava invece sulla proroga al prossimo 31 marzo 2012 dell'applicazione delle sanzioni ai Comuni inadempienti, “perché in questo ultimo periodo – ha detto Di Girolamo - molti Comuni hanno attivato ed incrementato la raccolta differenziata, e sono indirizzati verso l'allineamento con quanto previsto dal Piano regionale dei rifiuti. Il prossimo 31 marzo – ha aggiunto - scadono le concessioni di gestione in opera e quindi questo termine è utile per dar modo di vedere i risultati di questo impegno e anche per allinearci con le regole previste per le nuove gare”. Soddisfatto per la condivisione unanime del parere, il presidente della Commissione Gianfranco Chiacchieroni (Pd) perché, ha detto, “dimostra una consapevolezza oggettiva e generale rispetto all'importanza di raggiungere un'alta percentuale di raccolta differenziata e sulla predisposizione di una politica dei rifiuti rigorosa e chiara per tutti i cittadini”. Nella legge regionale 11/2009 (“Norme per la gestione integrata dei rifiuti e la bonifica delle aree inquinate”) è previsto che, se a livello di Ati (Ambiti territoriali integrati) non vengono conseguiti gli obiettivi minimi stabiliti (65 per cento per gli anni 2012 e seguenti) sia applicata agli stessi Ati una sanzione da 2 a 5 euro per ciascuna tonnellata di rifiuti avviati a smaltimento in eccedenza rispetto ai suddetti obiettivi, tenendo conto della popolazione del Comune, della quantità pro-capite dei rifiuti prodotti e della quota di raccolta differenziata. A loro volta gli Ati ripartiranno la sanzione tra i Comuni che non hanno raggiunto l'obiettivo stabilito dal Piano d'ambito.
14/11/2011 ore 0:29
Torna su