27/11/2020 ore 21:11
Opere pubbliche: la Regione assegna più di 2milioni e mezzo di contributi ai comuni, la metà arrivano in provincia di Terni
La Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici Stefano Vinti, ha approvato l’assegnazione dei contributi ai Comuni per il Piano di settore delle opere pubbliche 2011, ai sensi della legge 3 del gennaio 2010. Il bando di concorso era stato pubblicato nel gennaio scorso. Il totale dei contributi, pari a 2.624.600euro, è stato così ripartito: Comune di Panicale, completamento residenze comunitarie per anziani in località S. Sebastiano, 138.690 euro; Torgiano, lavori sul terremoto del 2009 e manutenzione ex scuola Fornici Pontenuovo, 130mila; Amelia, recupero bacino del Rio Grande, 125mila; Fabro, manutenzione ex scuola materna-elementare capoluogo e realizzazione ufficio tecnico comprensoriale, 186.872euro; Guardea, primo stralcio protezione civile in sede ex scuola, 187.374; Montegabbione, lavori manutenzione e antisismici scuola materna capoluogo, 188.872; Monte S. Maria Tiberina, recupero Palazzo Bourbon, 188,872; Castel Ritaldi, lavori Chiesa S.Pancrazio, Colle Marchese, 188.872; Sigillo, manutenzione straordinaria Chiesa S. Agostino 188,872; Giove, ripristino ex Chiesa S. Giovanni Battista, 93.700; Monteleone di Orvieto, restauro Mura Urbiche, 185.095; Sangemini, restauro Torre Esperia, 188.872; Norcia, manutenzione copertura Sede municipale, 80.000; Piegaro, sicurezza e barriere architettoniche scuola materna capoluogo, 173.765; Narni, lavori restauro Palazzo Comunale, 188.872; Marsciano, manutenzione straordinaria Teatro Concordia, 188.872. “I bandi della Regione – ha detto l’assessore Vinti - si confermano utilissima fonte di finanziamento a sostegno dei piccoli Comuni dell’Umbria, che si trovano in gravi angustie per finanziare opere di stringente necessità funzionale o di grande valore ambientale o storico culturale. Per questo motivo, nonostante la crisi e i ‘tagli’, la Regione fa di tutto per mantenere ‘aperti’ canali finanziari che, pur nella loro inadeguatezza, rispondono ad esigenze primarie delle comunità e sostengono l’economia”.
23/6/2011 ore 0:36
Torna su